STADIO DEL NUOTO, POLPET VERSO UNA NUOVA AVVENTURA

0

(f.n.) – Instancabile il presidente dell’Agis, Giuseppe Guida, noto come PolPet l’Indomito, proprietario ad honoris causa dello Stadio del Nuoto, sta decollando verso una nuova fantastica avventura…che, come tutte le altre in cui si è cimentato, riuscirà a stupire il mondo…Al momento, possiamo soltanto ipotizzare, quale sia il disegno portentoso, che si sta delineando nella mente vulcanica di PolPet…a giudicare dai mucchi di terra rimossa nei pressi del parcheggio auto dello Stadio del Nuoto…la qual cosa lascia chiaramente intendere uno scavo di una certa profondità….In un primo momento, conoscendo l’abissale profondità di pensiero di Polpet, nonché la sua vastissima e sconfinata rete di conoscenze, che oltrepassa i continenti conosciuti, abbiamo ipotizzato che, in uno degli incontri interplanetari ai quali ha partecipato, sia stato informato di una probabile invasione in tempi brevi, da parte degli abitanti di un’altra galassia…quindi, previdente come si ritrova, sta facendo costruire i rifugi antiaerei, a cominciare appunto, dalla sua amata piscina…ma…se così non fosse?, se fossimo stati male informati?, se si trattasse ad esempio dell’interramento di bomboloni di gas per riscaldamento?, veramente… non si vede in giro alcun cartello …sapete quei cartelli che indicano l’apertura di un cartiere con su scritto in maniera ordinata, tutti i numerini giusti di riferimento?, la ditta che ha vinto l’appalto?, il direttore dei lavori e via col tango?…Ma se così fosse,  dovremmo arguire che il previdente Polpet, l’uomo dalle mille risorse ed anche qualcuna in più…si stia preparando al momento in cui, anche l’ItalGas subentrata alla EniGas, interromperà l’erogazione del gas per morosità… Certo …si tratta di un’ipotesi che speriamo venga smentita al più presto e non rimanga a fermentare, come tutte le domande e le ipotesi che, a quanto pare, il presidente della Provincia, artefice massimo di questo ben di Dio, ritiene appartengano ad una dimensione parallela, dalla quale si può fuggire, attraverso una porticina magica…E bravo! Dovrà smentire che si tratti di una installazione sensibile come quella che interessa l’interramento dei bomboloni di gas, altrimenti dovrebbe esibire come da prassi, la proposta, il bando di gara per il progetto, la ditta vincitrice, l’approvazione del progetto, il parere dei Vigili del Fuoco e tutto il resto…Poi…se rimane tempo e sempre che qualcuno non abbia la memoria corta, vorremmo ricordare che esiste una norma sulla trasparenza…ed anche un paio di siti ufficiali sui quali, si sostiene di avere registrato tutto, ma che risultano scarni come uno scoiattolo anoressico…  Sarebbe inoltre interessante, conoscere il destino di quei 200mila euro lasciati sul conto dell’Agis, dalla precedente gestione e per quale motivo non siano stati impiegati, per pagare le fatture di acqua e gas…e se per caso i bilanci in rosso di Terra di Lavoro Spa,  si incastrino o meno ed inquale maniera,  in questo aggrovigliato e nebuloso sistema economico di tipo “allegretto ma non troppo”…diciamo “andante con brio”…Detto questo, rimaniamo in attesa che il nostro Polpet, per sua stessa ammissione “borderline”, ci dica cosa intenda fare di bello con tutta quella terra e tutti quei buchi…Hasta la vista!