COMUNALI CASERTA, DEL GAUDIO LANCIA LA BOZZA DEL SUO PROGRAMMA

0

CASERTA – Il candidato sindaco Pio Del Gaudio lancia la bozza sommaria del programma elettorale condiviso con i cittadini sui social e con i candidati delle liste.

Ecco i punti fondamentali:

“CASERTA CITTA’ NORMALE, SICURA E VIVIBILE”

  1. AMBIENTE: Riqualificazione cave, stop biodigestore e rivisitazione ztl.
  2. SICUREZZA: Riorganizzazione completa del corpo di polizia municipale, telecamere in città e frazioni, sinergia e coordinamento con le tutte le forze dell’ ordine .
  3. SANITA’: Ripresa lavori policlinico, organizzazione centri controllo covid in collaborazione con autorita’ sanitarie del territorio ed organizzazione di una struttura comunale che si occupi esclusivamente delle politiche sanitarie cittadine
  4. POLITICHE SOCIALI: Totale riorganizzazione del settore dell’ assistenza anche domiciliare a disagiati in genere , disabili ed anziani.
  5. POLITICHE GIOVANILI: Tutte le attività dell’ amministrazione saranno finalizzate in modo particolare a creare opportunità lavorative in città puntando essenzialmente su turismo, cultura, sport. Implementazione dei sostegni alle piccole botteghe commerciali ed artigiane attivate da giovani.
  6. TURISMO E CULTURA: Valorizzazione dei noti monumenti cittadini attraverso la sinergia tra tutti gli Enti e le Istituzioni del territorio. Comunicazione degli eventi in modo tempestivo e coordinato. Valorizzazione di tutte le 23 frazioni cittadine con le loro tradizioni storiche, culturali ed enogastronomiche utilizzando al meglio le risorse del Recovery fund e le opportunità offerte dai Distretti Turistici Regionali.
  7. RIORGANIZZAZIONE MACCHINA AMMINISTRATIVA: Per quanto possibile tutti i servizi comunali saranno internalizzati costituendo società in house, a maggioranza di capitale pubblico, in modo da ridurre i costi delle esternalizzazioni ed offrire ai cittadini servizi “degni” ed al passo con i tempi. Valorizzazione del personale comunale in servizio e nuove assunzioni.
  8. SPORT: Lo sport è vita e determina sviluppo culturale, sociale ed economico. E’ tra i punti salienti del nostro programma. E’ necessario che l’ amministrazione comunale controlli e regolarizzi la gestione di tutti gli impianti sportivi cittadini di proprietà dell’ Ente. Si costituirà un’unica Entità di gestione ,a maggioranza di capitale pubblico, che valorizzi le strutture e soprattutto le renda fruibili a tutti i cittadini diffondendo al massimo la pratica sportiva e favorendo in particolare le centinaia di associazioni sportive cittadine. Lo sport per tutti.
  9. MOVIDA: Rigoroso controllo del fenomeno (che si ritiene assolutamente positivo) in termini di sicurezza per evitare i recenti accadimenti al fine di valorizzare le attività commerciali ed attrarre turisti in città. Sinergia tra istituzioni, comitati civici e forze dell’ordine attraverso la costituzione di un osservatorio permanente sul tema e presieduto dal Sindaco.
  10. PIANO URBANISTICO COMUNALE: Immediata approvazione del P.U.C. che dovrà determinare in modo chiaro, e non discrezionale come accade oggi, lo sviluppo culturale, turistico, ambientale ed economico della Città. Risposte e soluzioni definitive relative alle aree incompiute nel Parco degli Aranci, Macrico (Parco Urbano verde cittadino), Aree in prossimità della Reggia. La Caserta dei prossimi anni dovrà essere green, senza auto, con un trasporto pubblico efficiente e con collegamenti rapidi e veloci con il resto del nostro paese. Dovrà essere una città a quasi esclusiva vocazione turistica e quindi attrattiva per investitori nazionali ed internazionali.
  11. MARKETING TERRITORIALE: Risorse importanti saranno destinate ed investite nella promozione dell’immagine della Città. CASERTA E’ BELLA sarà il messaggio da diffondere in tutto il mondo. Sarà ideato, in tal senso, un marchio cittadino di promozione del territorio in sinergia con tutte le istituzioni locali, le Associazioni dei lavoratori , datoriali, la Camera di Commercio ecc .
  12. I LUOGHI DELLA CULTURA: In città esistono tanti contenitori culturali ma NON ESISTE una politica culturale unitaria. Attraverso la costituzione di una struttura amministrativa unitaria per l’ utilizzo dei beni culturali, si intendere mettere in rete i beni culturali cittadini e di proprietà dell’Ente (Belvedere di San Leucio, Castello di Casertavecchia, Caserma Sacchi, Chiostro di Sant’Agostino, Teatro Comunale ecc.) saranno un palcoscenico, condiviso e permanente , di eventi di qualità ed organizzati tutto l’anno. Leuciana Festival e Settembre al Borgo saranno completamente “ripensati” al fine di diventare, FINALMENTE, attrattori di presenze turistiche in città. Oggi questo non accade.
  13. AUTONOMI E PARTITE IVA: La realtà economica cittadina si è completamente modificata anche a causa del covid. Il tessuto imprenditoriale è in grossissima sofferenza. Sarà istituito un Assessorato specifico che si occupi delle piccole attività economiche cittadine e della piccola impresa che rappresentano basi essenziali per la crescita e lo sviluppo dell’ economia cittadina.
  14. RISANAMENTO FINANZIARIO: E’ possibile risanare il bilancio comunale.
    E’ necessaria competenza, professionalità e rigoroso controllo della spesa. Il primo dissesto, dichiarato nel 2012, fu determinato da un obbligo di legge come dimostrano gli atti. Le procedure di dissesto si sarebbero dovute chiudere nel 2016 e l’ Ente sarebbe potuto ripartire. In SOLI 5 anni, dopo la definizione del primo dissesto, la cattiva gestione dell’ Ente ha determinato un secondo dissesto finanziario in pochissimo tempo. Ad oggi la situazione di disavanzo dell’ Ente è pari ad oltre 20.000.000 di euro. Attueremo una seria politica di risanamento riducendo i costi ed internalizzando tutti i servizi. Oggi le norme lo consentono a differenza del passato. Sarà necessaria inoltre una decisa riorganizzazione della struttura direttiva dell’ Ente basata su competenze e professionalità.
    Ripartire è possibile.

Continua…..”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui