CASTELLO CARLO V, MARIANNA IORIO CHIEDE LO STATO DELLE ATTIVITÀ

0

%name CASTELLO CARLO V, MARIANNA IORIO CHIEDE LO STATO DELLE ATTIVITÀCASERTA – Con una nuova interrogazione ai Ministri della Cultura e della Difesa, la deputata Marianna Iorio del Movimento 5 Stelle ha chiesto quale siano lo stato di attuazione e tempistica delle iniziative in essere riguardanti il Castello di Carlo V a Capua, un bene culturale  da rilanciare quanto prima, senza perdere tempo. Qui sotto il testo del documento: “Al Ministro della cultura, al Ministro della difesa. — Per sapere – premesso che: il Castello di Carlo V a Capua, è un esempio significativo di architettura militare dell’età vicereale spagnola; edificato nel 1542, con le sue geometriche e regolari masse murarie, il forte si eleva maestoso accanto alla riva sinistra del fiume Volturno, in posizione strategica; dal castello, infatti, si potevano tenere sotto tiro dei cannoni i due accessi principali alla città: a occidente, la porta delle torri o Porta Roma e, a oriente, la Porta Napoli con il suo ampio fossato; oggi il Castello di Carlo V è situato all’interno dello «Stabilimento Militare Pirotecnico» di Capua che è una fabbrica di munizioni e di altri materiali bellici; l’interrogante con interrogazione a risposta scritta n. 4-02538, aveva già chiesto delucidazioni riguardo alle attività che i Ministri interrogati avevano intenzione di porre in essere al fine di rendere fruibile il bene come luogo di attrattiva turistica e culturale; la risposta del Mibact comunicata in data 8 giugno 2020 prevedeva:  – «elaborazione una bozza di protocollo d’intesa fra le amministrazioni interessate per gli interventi di restauro e di adattamento compatibili con la natura propria dei beni, compresa la dotazione delle risorse occorrenti, anche allo scopo di poter qualificare il complesso in questione come area di interesse turistico e culturale», con un «documento di valorizzazione oggetto di un bando, al fine di individuare soggetti pubblici o privati che abbiano interesse ad investire risorse nel progetto»; – «la disponibilità» – da parte del Mibact di allora, adesso Ministero della cultura – «ad inserire il bene in questione, verificando che ne ricorrano tutti i presupposti, nel sistema museale nazionale, agevolando l’attuazione di progetti sinergici e contribuendo a individuare soluzioni efficaci»; alla fine di gennaio 2021 fu emanato il «Secondo avviso esplorativo finalizzato a individuare operatori economici commerciali interessati a formulare proposte di finanza di progetto, ai sensi degli articoli 182 e 183, comma 15, del Decreto legislativo n. 50 del 2016, per la valorizzazione economica di asset immobiliari dell’Amministrazione della Difesa in cui realizzare strutture turistico-ricettive o in alternativa, per le schede n. 2, 3, 4, 6, 7 e 12, strutture residenziali per la terza età (cosiddette senior housing)»;
l’avviso, di iniziativa di «Difesa Servizi», società per azioni che ha il Ministero della difesa come unico socio, comprende anche il castello di Carlo V a Capua (scheda 01); la scadenza per la presentazione delle manifestazioni di interesse, fu prorogata per le ore 12.00 del 12 luglio 2021 –: quali siano lo stato di attuazione e la tempistica delle iniziative sopra riportate.“

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui