OSPEDALE SAN ROCCO, RIPARAZIONI, MISTERI & STRAORDINARI

1

(f.n.) – Dove eravamo rimasti?, ah già…ci eravamo lasciati tremanti di commozione, dopo avere appreso la notizia del prestigioso summit tra signor Dg Blasotti e signor sindaco Di Iorio, sui futuri destini del PO San Rocco che, in virtù degli effetti positivi del rendez vous in terra aurunca, si preannunciavano strepitosi. A coloro che, utilizzando il proprio nome o quello di personaggi storici di una certa notorietà, bofonchiano imprudenti giudizi su fb, ipotizzando fantasiose motivazioni a monte della nostra ostinazione ad evidenziare le falle del sistema, e a coloro che, strumentalmente stanno promuovendo magnificat sull’evento, rivalutando “all’intrasatta” Uoc, languenti fino all’altro ieri, grazie alla nota ed efficiente gestione particolare e generale del Presidio e dell’Asl, nonché alla ingerenza politica, vorremmo chiedere se hanno l’abitudine ad attivare il tasto della memoria prima di scrivere o se l’interesse a bypassare e a difendere l’indifendibile, è talmente “luccicante” e produttivo, da consentir loro, di far finta che certe faccende, peraltro ad essi ben note, appartengano magari, alla nostra fantasia, n’est pas? %name OSPEDALE SAN ROCCO, RIPARAZIONI, MISTERI & STRAORDINARIEbbene, se ciò che per noi, che siamo brutti, sporchi e cattivi, è soltanto un saggio di recitazione obbligata, avesse in sé una ‘ntecchia di buona fede, il progetto relativo al risanamento futuro dovrebbe iniziare con un “repulisti” immediato ed una, altrettanto immediata sistemazione e ripristino delle regole che come sapete, le danno ormai per disperse. A latere della gestione indisturbata dei due capataz, ovviamente si diramano gli effetti collaterali, legittimati e autorizzati dagli stessi…Qualcuno dirà: scusate ma la dottoressa Foglia è ancora Ds?, ma noi purtroppo non sappiamo e non possiamo rispondere, perché non vorremmo essere irriguardosi, rispondendo sì ma non cambia niente…e quindi glissiamo, ovviamente, n’est pas? Bene…adesso veniamo a qualche notizia sfuggita simpaticamente, dal cilindro dei bene informati…Palcoscenico della vicenda, indovinate un po’?, l’autoparco e tutto ciò che si muove nei dintorni…Sembrerebbe che un autista in servizio all’autoparco del PO San Rocco di Sessa Aurunca, sia anche titolare o lo sia un diretto suo congiunto, di una  concessionaria auto con annessa officina…Fin qui nulla quaestio…ma, sembrerebbe che il super mega responsabile Antinozzi, che, come sappiamo contribuisce alla gestione dell’intero Presidio, assieme al buon Celentano dei piani alti (come facevamo prima, dice Carletto mangiando i sofficini?),  invii le ambulanze che necessitano di riparazioni, proprio in codesta officina ….e fin qui…Ma, sembrerebbe che non esista alcun contratto di manutenzione, tra il Presidio e l’officina suddetta… Come mai?, sempre i bene informati, sosterrebbero che le riparazioni, non verrebbero pagate regolarmente dall’Azienda ma, bensì, subirebbero una trasformazione grazie al nuovo astro della prestidigitazione, “venghino siore e siori, a voi il mago Antinozzi!”, il quale, in virtù appunto, delle sue doti di mago-illusionista, preveda il pagamento dell’autista di cui sopra, contrabbandando la riparazione per straordinario…Noi non abbiamo la forza di commentare…per noi è troppo…siamo limitati purtroppo! Non resta a questo punto, che attendere le deliziose inutilità, che i soliti delegati in nome e per conto, depositeranno come fasci di ortiche, in bacheca fb. Intanto non si spiega perché, un’ambulanza, che pare avesse la batteria scarica e quindi fosse stata portata in officina, sia parcheggiata da oltre una settimana, piena di polvere ed inutilizzata…I soliti misteri che precedono gli spettacoli del mago Antinozzi…aspettiamo per vedere…Hasta la vista!

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui