‘ULTIMO ARRIVATO… A CASA MOSCATO’, L’ATTO D’AMORE DI BENEDETTO CASILLO PER ENZO MOSCATO IN SALA ASSOLI

0
ULTIMO ARRIVATO...A CASA MOSCATO E.Moscato B.Casillo ph┬®Pino Miraglia0921 1 300x200 ULTIMO ARRIVATO... A CASA MOSCATO, LATTO DAMORE DI BENEDETTO CASILLO PER ENZO MOSCATO IN SALA ASSOLI
Enzo Moscato (attore e drammaturgo) e Benedetto Casillo (attore) 2019 – ph©Pino Miraglia

NAPOLI – Una sorta di esame di maturità. Così Benedetto Casillo definisce “Ultimo arrivato… a casa Moscato”, il lavoro che conclude nella Sala Assoli di Napoli “We Love Enzo” il trittico di dediche alla poetica di Moscato. Da mercoledì 25 a domenica 29 gennaio (feriali ore 20,30, festivo ore 18) l’attore, comico e autore mette in scena il suo atto d’amore, “un’aspirazione, che poi diventa necessità, per molti attori napoletani e non solo”.

Tra gli artisti più originali della scena nazionale, volto amatissimo dal grande pubblico, Casillo è attivo dagli anni ’70 come attore e autore di cinema e teatro. Dai primi passi con il duo cabarettistico I Sadici Piangenti all’interpretazione del “vice sostituto portiere” in “Così parlò Bellavista” e in “Il mistero di Bellavista” a metà degli anni Ottanta, la sua carriera si è sviluppata tra commedie originali, opere di Eduardo De Filippo, lo studio delle usanze popolari napoletane rivisitate in chiave comica. Tra le sue ultime apparizioni sul grande schermo c’è la partecipazione a “Qui rido io” di Mario Martone.

“Ultimo arrivato… a casa Moscato” è, nelle sue parole, “una nota di merito da trascrivere nel registro di una carriera artistica. Perché Moscato è l’anima più genuina, carnale e nobile della nostra città. La voce poetica e struggente di un popolo che invece sembra preferire la sguaiataggine dei rumori e gli strilli di questi cosiddetti tempi moderni. Grandi nomi ed eccellenti allievi dello stesso Moscato da anni rendono omaggio allo scrittore dei Quartieri Spagnoli, interpretandone i testi con maestria, affetto e rispetto artistico. Ultimo arrivato in questo spazio/tempo moscatiano sono io. Anche se oggi sono dieci anni che Enzo mi concede l’onore di essergli al fianco sul palcoscenico.

A lui mi accomuna più di una cosa: età, radici, ambiente familiare, i vicoli, la gente, la spiritualità, i tanti dubbi quotidiani, l’amore per gli animali. L’approccio al teatro è stato differente. Ma non nell’essenza. Napoli nel cuore, la continua stimolante curiosità, il rifuggire dalla banalità e dalla volgarità, il rigore scenico, il rispetto per i colleghi e per il pubblico. Vengo da esperienze diverse (la tradizione, i miei carissimi Sadici Piangenti), anche se un altro regista pure mi ha letteralmente scaraventato nel mondo di Beckett e finanche di Ruccello. E poi… Questo spettacolo è un omaggio e un ringraziamento a Enzo Moscato per il privilegio che mi ha regalato».

Lavoro conclusivo dei quattro prodotti da Casa del Contemporaneo, “Ultimo arrivato… a casa Moscato” nasce come gli altri dall’esigenza di alcuni artisti che collaborano stabilmente con la Casa che hanno contemporaneamente immaginato e sentito il bisogno di esprimere la loro adesione sentimentale e artistica verso le parole del poeta.

A conclusione di un intenso mese nel segno di Moscato lunedì 30 gennaio alle ore 18 Sala Assoli ospiterà “Tradizione, tradimento, tradinvenzione”, colloquio sull’opera di Enzo Moscato a cura di Antonia Lezza che vedrà confrontarsi quattro studiosi di teatro, Simona Scattina, Pasquale Scialò, Laura Sicignano e Giorgio Taffon.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui