Roghi tossici Ilside e Expert, nuovi dati allarmanti dell’Arpac sulla diossina

0
8

BELLONA – (Tina Palomba)  Allarmanti gli ultimi dati forniti dall’Arpac sull’area di Bellona e Pastorano dopo gli ultimi roghi tossici dei depositi  Ilside ed Expert. I livelli di diossina rilevati su campioni dall’agenzia regionale per l’ambiente sono superiori di diverse unità rispetto a limite consentito in particolare nell’area territorio Ferranzano dove è avvenuto l’incendio del sito di stoccaggio Ilside.  “Si conferma la presenza nell’area di Tcdd, molecole accertate come cancerogene. Oltre  ai PCB  (policlorobifienili diossino -simili) pericolosi” lo ha affermato  Gaetano Rivezzi presidente Regionale dei medici per l’ambiente. Oltre alla scheda  dall’Arpac in una nota si legge: “Si premette che per i microinquinanti nell’aria ambiente non sono al momento stati stabiliti né a livello europeo, nè a livello nazionale o regionale valori limite o soglie e che uno dei pochi riferimenti in letteratura tecnica, esclusivamente per PCDD e PCDF, sono le linee guida della Germania (LAI-Laenderausschuss fuer Immissiosschutz – Comitato degli Stati per la protezione ambientale), in cui si riporta il valore di riferimento di 0,15 pg I-TEQ/m3 per l’aria ambiente.

Entrambi i rapporti di prova pubblicati (come si potrà osservare dalla scheda) evidenziano valori di concentrazione di circa un ordine di grandezza superiore rispetto al suddetto valore di riferimento, con tendenza alla graduale diminuzione nell’ambito del secondo campionamento effettuato (dati Arpac).

Si demandano all’autorità sanitaria le valutazioni in ordine ad eventuali provvedimenti da adottare in relazione alla natura e alla concentrazione delle sostanze rilevate”.

I risultati della Prova Diossina (Laboratorio Regionale Diossina)

Allegati