ELEZIONI COMUNALI, “CAMPANIA LIBERA” IN CAMPO CON IL PROPRIO SIMBOLO E SI SGANCIA DA PD E PSI

1

LUIGI BOSCO: “CON SUPPONENZA HANNO LIMITATO IL PERIMETRO POLITICO TAGLIANDO FUORI VALIDE FORZE DEL CENTROSINISTRA”

Ferdinando D’Ambrosio e Anna Silvestre  con il consigliere regionale Luigi BOSCO

ORTA DI ATELLA – Sulla linea politica che avrà “Campania Libera” in vista delle prossime elezioni amministrative di Orta di Atella, interviene il segretario provinciale Luigi Bosco. “Alla luce – afferma il consigliere regionale Bosco – della registrata supponenza ed autorefenzialitá del Pd e del Psi, che hanno a più riprese di stampa limitato il perimetro del loro ragionamento politico, tagliando fuori forze politiche che ad oggi hanno dimostrato di essere visibilmente e numericamente attive sul fronte del centrosinistra casertano, Campania libera dichiara, anzitutto, che correrà col proprio simbolo alle prossime elezioni amministrative e che immagina una coalizione lontana dallo schema previsto dal Pd e dal Psi, bensì vicina ad altre forze civiche del tessuto socio-politico ortese che ritrovino proprio comune denominatore nelle caratteristiche imprescindibili di qualità, serietà, amore per la propria comunità e soprattutto coraggio nel pensare all’adozione di schemi di assoluta novità. È il caso di precisare che le uniche persone titolate a parlare in nome e per conto del movimento in questa fase sono i referenti cittadini, avvocati Anna Silvestre e Ferdinando D’Ambrosio“.

1 commento

  1. Un ben servito da Campania Libera al PSI del nominato Francesco Brancaccio, di Orta di Atella, che si appresta a celebrare un Congresso provinciale su mozione unica, come fece ad aprile Nencini. Se questo è il PSI, ai vari livelli, il Rosatellum è vino annacquato. Ma dove sono le sezioni del PSi in Terra di Lavoro? Qualcuno dimentica, volutamente, che a San Prisco il 17 dicembre 2016, due signori, Marco Riccio e Francesco Brancaccio, insieme alla commissaria dell’epoca, hanno inaugurato la Sezione PSI, intitolata a “PIETRO LAGNESE e SANDRO PERTINI”. Probabilmente costoro che provengono dalle file del PD non conoscono questi due utorevoli esponenti socialisti, il primo assessore regionale del PSI ed il secondo Presidente delle Repubblica, ai tempi di Bettino Craxi.

Comments are closed.