MORI’ DI PARTO NEL 2014, SOTTO PROCESSO 14 MEDICI

0
8

GRICIGNANO D’AVERSA – 14 medici rinviati a giudizio per il coinvolgimento nella morte di Francesca Oliva, ventinovenne di Gricignano che ci lasciò la notte del 24 maggio 2014 al settimo mese di gravidanza trigemellare a causa di una setticemia. I professionisti citati sono tutti medici nell’ospedale San Giuliano di Giugliano in Campania e la Clinica Pinetagrande di Castel Volturno, strutture ospedaliere che ospitarono la sfortunata Francesca in quegli ultimi, sfortunati giorni: la decisione è stata presa da Nicoletta Campanaro, gup del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, che ha ascoltato la richiesta del pm Fornaro e del difensore delle parti civili, Raffaele Costanzo, incriminando i dottori per omicidio colposo aggravato. Francesca Oliva morì poco dopo il parto, prematuro, deciso d’urgenza poiché l’unico maschietto che portava in grembo era già morto da qualche giorno; nel successivo parto sopravvisse soltanto una delle due bambine.