OSPEDALE, VIA ALLA SAGRA DEL DISTRIBUTORE AUTOMATICO ED AL BLOCCO DELLA COMUNICAZIONE

0

di Francesca Nardi

Qualcuno dovrebbe istruire Mario Nicola Vittorio Ferrante sul concetto di priorità…onde evitare che per priorità intenda qualcosa che fa rima con amenità e proceda nella programmazione delle inutili cose quotidiane…onde evitare che l’intera struttura ospedaliera, pomposamente Aorn, faccia la figura di quella signora che si adornava il petto di lustrini, orchidee nei capelli e vezzi alle orecchie e “paperiava” sotto i riflettori con il deretano scoperto. L’ultima novità dello “splendido” consiste nel divieto di accettazione da parte dell’ufficio protocollo della corrispondenza a firma dei dipendenti…motivazione “l’enorme corrispondenza e l’abuso di modalità di comunicazione”…fatta eccezione per le problematiche medico-legali. Ovviamente non è passato neanche per l’emisfero cerebrale sinistro dei componenti la Sacra Trimurti, di informare i dipendenti della novità, come, pare si sia dato per scontato che, accettare soltanto comunicazioni via email, comportava da parte di ogni dipendente interessato a farlo, il possesso di un computer …Ma non finisce qui, poiché la comunicazione informatica tra dipendenti e azienda, prevede un protocollo informatico che non siamo sicuri sia stato predisposto, al momento, da questa futuristica gestione della res ospedaliera. Ma le coreografiche aspirazioni di Ferrante the Big, continuano e, facendo giustizia sommaria dei problemi che si spalmano oltre la palazzina direzionale, il manager ha deciso di installare un sistema di videosorveglianza per controllare i moschini che si appiccicano sulle lenti a contatto dei visitatori notturni o dei predatori di garze…Scale, fili, passaggi di canaline nei corridoi dei reparti e via col tango…un trepestio laborioso di cui nessuno, ovviamente, sapeva nulla soprattutto i sindacati che avrebbero dovuto pronunciarsi sull’argomento…Infatti l’accordo sindacale è diventato un optional…come del resto le regole ed i regolamenti. Stamani si è insediato il nuovo primario dell’Uoc Malattie Infettive…l’universitario Nicola Coppola che, immaginiamo, prenderà di petto una situazione ai limiti del possibile…e da domani, ne siamo certi, annoterà innanzitutto il problema sporcizia diffusa, stanze prive di riscaldamento ed alcune addirittura non agibili, fili appesi, ascensori in comune per cibo, pazienti, parenti, monnezza semplice e speciale e via col tango…Siamo in attesa che arrivi un segnale positivo ma se non dovesse arrivare neppure con la nomina di un dotto universitario, sarebbe forse il caso di chiedersi seriamente, dove si sia inceppato il meccanismo…Dimenticavamo l’ultima inspiegabile novità, laddove la coreografia di tipo paesana,  del tipo: eravamo quattro amici al bar, non sia davvero la priorità del manager…Stanno infatti sorgendo come i funghi all’interno dell’Ospedale, distributori automatici in gran quantità…ma non risulta esserci alcuna delibera che autorizzi tali installazioni o ne quantifichi l’eventuale riscontro economico…La gestione  Ferrante offre alla fantasia, spunti addirittura commmoventi  e …insomma… la gestione di condominio di quattro mini appartamenti in montagna… al confronto… diventa la gestione di un sottomarino a propulsione nucleare…