OSPEDALE…PAZIENTE ANZIANA LEGATA ALLE SBARRE DEL LETTO. ERA AGITATA…

0

di Francesca Nardi

La Direzione Sanitaria la cui responsabile si dimette e ritorna in carica a suo piacimento, dovrebbe trovare il tempo, tra una delibera e l’altra, di dare un’occhiata a quanto succede in Ospedale…sempreché rientri nella sua personalissima mission e nell’immaginario della Sacra Trimurti preoccuparsi dell’utenza, che in questo caso è rappresentata dall’insieme di coloro che sono costretti ad un ricovero nei diversi reparti. La precisazione è d’obbligo qualora la evidente distrazione della direttrice sanitaria fosse dovuta ad un errore originale di interpretazione…qualcuno potrebbe averle riferito che in Ospedale si fanno i fanghi e le cure termali, quindi non è indispensabile un controllo continuo…Non è esattamente così… Cara Direzione Sanitaria, amica di penna e di delibera, in un Ospedale vi sono i reparti, in questo caso, più o meno funzionanti più o meno a norma, e nei reparti vi sono i letti e le barelle…sui letti e sulle barelle vi sono i pazienti…Ok.   Qualche giorno fa una signora anziana, pare che il suo nome sia Nicolina, ricoverata al reparto di Medicina d’Urgenza è stata trattata come, qualche decennio fa, trattavano i malati del manicomio criminale di Aversa, quei criminali autentici che giocavano a fare gli specialisti in psichiatria fornendo materiale per l’attuale museo degli orrori. L’anziana signora, non vedente ed affetta da insufficienza respiratoria è stata legata per i polsi, alle sbarre del letto. Una congiunta l’ha trovata in quelle condizioni ed ha chiesto inutilmente spiegazioni. La signora Nicolina era stata legata perché era agitata. Quando si ha contezza di questi saggi pratici di “abnegazione e sensibilità” nei confronti di anziani ricoverati, talvolta da parte dei parenti scatta la paradossale paura che, denunciando il fatto, possa accadere di peggio ed allora si accettano le spiegazioni, anzi si subiscono, anche se a denti stretti…ma ciò non toglie che la Direzione Sanitaria è ovviamente da tutt’altra parte e non si comprende, tutto sommato, cosa faccia…oltre a firmare le dimissioni, salutare, ritornare, stracciare le dimissioni e riprendersi la carica…Ma…vergognatevi!