“LE RONDINI”, SANDRA RACIOPPOLI: “CON STELLATO SINDACO ASSICUREREMO SVILUPPO E TRASPARENZA”

0
  Sandra Racioppoli

SAN TAMMARO – Prosegue senza interruzioni il programma di avvicinamento della lista civica “Le Rondini” alle elezioni amministrative del 10 giugno 2018. L’unione di intenti di tutto il gruppo politico, capeggiato dal candidato sindaco Ernesto Stellato, è lo spirito giusto per affrontare il momento. Tra le figure di maggiori responsabilità del progetto vi è senza dubbio Sandra Racioppoli, colonna portante dell’Amministrazione Cimmino con lo svolgimento del ruolo di assessore in entrambe le legislature: dal 2008 al 2013 è stata incaricata dell’assessorato alle Politiche Sociali, Politiche Giovanili, cultura ed alla scuola, mentre dal 2013 al 2018 ha rivestito il ruolo di assessore con delega al rapporto con le associazioni, eventi e spettacolo ed al decoro urbano.

Da sempre protagonista nell’Amministrativo, si presenta ai cittadini: “La mia presenza nell’organigramma della lista “Le Rondini” è fissa da dieci anni. Sono Sandra Racioppoli, donna, madre e cittadina tammarese da sempre. Sono laureata in scienze infermieristiche alla Seconda Università di Napoli e lavoro presso la clinica “Santa Maria Della Salute”, dove mi occupo della gestione dei ricoveri. Entro a far parte di questo gruppo politico nel 2002 dopo essere stata eletta consigliera con ruolo di opposizione insieme al sindaco Emiddio Cimmino. Qui tutto ebbe inizio. Conoscenze, incontri, riunioni, sogni ma soprattutto progetti”.

Dopo una fase di approccio alla politica, Sandra Racioppoli prosegue il suo percorso e nel 2008 festeggia la vittoria: “Nella competizione elettorale del 2008 finalmente il fato decide che il nostro team di persone vada ad amministrare San Tammaro. Da questo momento inizia il nostro impegno nel risolvere, risanare, ridare prestigio e rispetto alla nostra comunità. Nel 2013 la comunità tammarese decide di continuare a dare fiducia alla squadra “Le Rondini”, capeggiata dal sindaco uscente Emiddio Cimmino. In questi anni mi sono rimboccata le maniche ed ho fatto quello che la mia gente mi ha chiesto. Il mio motto è stato “Pensa Lavora, Risolvi” negli svariati ambiti: sociale, scuola, giovani, anziani, famiglie, cultura ed eventi, spettacoli, rapporti con le associazioni, decoro pubblico. Questo è stato il mio impegno in questi anni, nonostante abbiamo attraversato tantissime difficoltà: nuove e rigide regole di spending review, nuove regole di bilancio, ridotte emissioni economiche al Comune da parte dello Stato. Malgrado questi ostacoli, siamo riusciti a progettare e concretizzare numerosi interventi”.

L’assessore spiega i motivi per cui scende nuovamente in campo: “Perché mi sono nuovamente candidata? Perché la comunità me lo ha chiesto e perché devo portare avanti un progetto di continuità, di fiducia, di stabilità, per i miei concittadini. Perché Ernesto Stellato? Perché è stato il nostro vicesindaco per nove anni, perché in questi anni è stato leale con il gruppo e con il sindaco, perché dopo Emiddio Cimmino il gruppo “Le Rondini” si riconosce in Ernesto Stellato leader. Perché Le Rondini? In questi ultimi anni ha resistito fortemente agli attacchi alla sua leadership. Un vero e proprio patto con i cittadini, instaurato nel 2008, trasferito nei programmi elettorali e copiato a più non posso”.

Dulcis in fundo, Sandra Racioppoli descrive i tanti miglioramenti apportati da Ernesto Stellato nei dieci anni di legislatura: “Ernesto Stellato è una persona preparata, politicamente ed amministrativamente. Persona onesta e corretta con i valori per la famiglia, la religione, i giovani e gli anziani. Lo lega un forte attaccamento alla propria terra, valori che aiuteranno San Tammaro a continuare a garantire trasparenza in tutti gli atti amministrativi. Garantisce risparmio leale ed applicato dal 2008 alla macchina politica, insomma i tammaresi con Ernesto possono dormire sonni tranquilli. Cari concittadini il 10 giugno continuate a fare la cosa giusta. Votate Le Rondini, votate Ernesto Stellato sindaco e se in questi anni vi siete sentiti rappresentati, datemi la vostra preferenza”.