PARTE IL CENTRO DIURNO ALL’INTERNO DEL RIONE IACP

MIRRA: “GRANDE ATTENZIONE PER LE FASCE A RISCHIO E, IN PARTICOLARE, PER QUELLE GIOVANILI”

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Con l’approvazione della delibera di Giunta del 13 luglio, l’organo esecutivo guidato dal sindaco Antonio Mirra, su proposta dell’assessore al Patrimonio Claudia Imparato e dell’assessore ai Servizi Sociali Rosida Baia, ha dato il via libera formalmente alla istituzione nel rione IACP di un ambulatorio dell’Asl per la cura delle nuove dipendenze.

“La nostra amministrazione – hanno dichiarato gli assessori Claudia Imparato e Rosida Baia – ha sempre riservato, e continuerà a farlo, grande attenzione alle fasce a rischio e in particolare a quelle giovanili e la realizzazione di questo centro, tra i primi in Italia, va appunto in questa direzione”.

Il progetto fa seguito al protocollo di intesa stipulato, lo scorso mese di febbraio, tra l’Asl di Caserta e il Comune di Santa Maria Capua Vetere e finalizzato appunto alla realizzazione di un centro diurno pubblico da parte della stessa Azienda Sanitaria all’interno di una struttura concessa in comodato d’uso dall’Ente municipale. L’ambulatorio, che verrà realizzato a spese della stessa Asl in un’ala del plesso scolastico di via Giotto provvedendo al contempo ad una sua valorizzazione da un punto di vista strutturale, rappresenterà un vero e proprio spazio di accoglienza dedicato alle complessità delle nuove dipendenze al di fuori dei tradizionali spazi di cura. Asl e Comune intendono inoltre, sulla base dello stesso protocollo di intesa, promuovere azioni di utilità sociale e sanitaria nell’ambito della prevenzione, della cura e del reinserimento dalle dipendenze, con particolare attenzione all’alcolismo, alle nuove sostanze d’abuso e alle nuove forme di dipendenza tra cui la ludopatia.

“Abbiamo fortemente voluto l’istituzione di questo Centro a Santa Maria Capua Vetere – ha dichiarato il sindaco Antonio Mirra – ed in particolare la sua collocazione in una parte della città rispetto alla quale siamo estremamente consapevoli che i livelli di attenzione da parte dell’amministrazione debbano essere sempre elevati. Siamo però certi che, proprio rispetto al rione IACP, stiamo portando avanti quotidianamente un lavoro di concreta programmazione, senza proclami e senza promesse, che passa soprattutto attraverso il progetto e i lavori di riqualificazione urbana, il recupero delle strutture sportive esistenti e la realizzazione di nuovi impianti, di cui uno in fase di completamento a cura dello stesso Istituto Autonomo di Case Popolari, da utilizzare per attività sportive e di socializzazione, nonché appunto con la riorganizzazione e la valorizzazione di tutto il plesso scolastico di via Giotto”.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+