OSPEDALE, IL MEMORIALE DELLA DOMENICA…14

(f.n.) – Oggi chiudiamo il cerchio, in attesa che si pronunci la Cassazione e “l’articolo 9-gate” possa   essere archiviato nella maniera giusta, senza ombre residue né dubbi. Il Memoriale della Domenica continuerà con altre “sorprese” Abbiamo risposto a molti interrogativi sull’articolo 9, nonostante le ostilità ed i tentativi di depistaggio, che ancora oggi brulicano nell’aria incessantemente, senza sosta né pudore con l’obiettivo finale di fiaccare la nostra resistenza. Tempo perso.  L’ultimo importante interrogativo al quale tenteremo, attraverso alcuni esempi, di rispondere in maniera chiara ed esauriente, è quello relativo al conteggio dei rimborsi rivendicati e percepiti, da molti dipendenti in buona fede. In quale maniera sono stati effettuati i conteggi?, seguendo quale logica?, chi li ha preparati?, sono stati mai controllati dall’Azienda?, e per quale motivo l’Azienda non ha ritenuto di contestarli nel corso delle varie udienze? Nel 2010, dopo l’elaborazione del piano che avrebbe dovuto essere adottato, per ottenere i rimborsi relativi allo straordinario, secondo una interpretazione, rivelatasi errata, dell’articolo 9, il sindacato “ispiratore” fece richiesta all’amministrazione dell’Aorn di Caserta, direttore generale in carica il dottor Luigi Annunziata, di ottenere il tabulato dei turni relativi ai cinque anni pregressi. L’Amministrazione fornì al sindacato ed al suo legale, l’estratto dei turni, cioè un elenco in cui erano riportate soltanto le giornate di lavoro e non il conteggio delle ore. Il conteggio delle ore venne infatti effettuato dal legale del sindacato, nello studio del legale, con il sostegno illuminato del sindacato stesso. In base alle fasce ed alla retribuzione giornaliera prevista dalle stesse iniziarono i conteggi. Non risulta dalle nostre ricerche, che ai conteggi abbia mai partecipato un delegato dell’Aorn. La maggiorazione prevista per il lavoro straordinario festivo, che avrebbe dovuto costituire, sempre secondo l’errata interpretazione dell’articolo 9, il rimborso richiesto,  venne calcolata secondo i dettati del CCNL e prevedeva, per coloro che avevano effettuato gli straordinari di giorno il 30% della retribuzione e per i notturni il 50% della retribuzione stessa. 

A questo punto per facilitare la comprensione, facciamo un esempio: se Tizio percepiva 100 euro di stipendio giornaliero ordinario, avrebbe dovuto percepire un rimborso di 30 euro, cioè il 30 per cento di 100, per ogni giornata di lavoro straordinario festivo effettuata nel corso di cinque anni, mentre Caio lo avrebbe avuto di 50 euro perché aveva lavorato di notte. E’ importante ribadire il concetto che i dipendenti che ottennero il rimborso, avrebbero dovuto percepire una somma pari a 30 euro o 50 euro, moltiplicata per i giorni di straordinario, che erano stati conteggiati per ognuno di loro. A quanto pare non è stato così, perché la definizione del conteggio effettuato, varia dall’allegro allo spudorato…ovviamente secondo il giudizio morale personale di ognuno di noi. Infatti risulterebbe che i conteggi eseguiti dal sindacato e dal legale dello stesso, abbiano raddoppiato gli ipotetici 100 euro di stipendio giornaliero ordinario con l’aggiunta  della maggiorazione di 30 o 50 euro. Quindi, invece di percepire un rimborso di 30 o 50 euro per ogni giornata di straordinario festivo effettuato, il dipendente, grazie ai conteggi “elastici” e privi di controllo, pare che il dipendente abbia percepito 130 o 150 euro secondo i casi. Considerando approssimativamente l’entità della somma  complessiva dei rimborsi rispetto al numero dei dipendenti interessati, ne deriva di conseguenza anche un altro conteggio …quello relativo all’onorario del legale, calcolato sulle seguenti percentuali: 12% del rimborso ottenuto dai dipendenti iscritti al sindacato “ispiratore” e 35% dai dipendenti non iscritti. L’originalità dei conteggi relativi al rimborso si evince inoltre da alcuni passaggi delle varie sentenze relative al caso. Si legge in una sentenza che”…l’ammontare complessivo, per ogni singolo ricorrente, quantificato secondo conteggi contenuti in ricorso, i quali risultano privi di vizi logici, di facile elaborazione e soprattutto mai contestati dalla convenuta…) L’originalità dei conteggi viene legittimata de facto dalla inqualificabile condotta dell’Aorn, come possiamo ancora evincere in un altro passaggio relativo ad un’altra sentenza, una delle tante… “…Condanna della datrice di lavoro al pagamento in favore dei ricorrenti delle somme indicate in dispositivo e corrispondenti a quelli dei conteggi contenuti nel ricorso e non contestati se non in maniera assolutamente generica e di stile dalla convenuta…” Il testimone passa alla Direzione dell’Azienda Ospedaliera che dovrebbe dedicare studio ed attenzione ad una vicenda che certamente non ha contribuito a rendere sfolgorante l’immagine dell’Azienda, alla quale il manager dichiara di tenere tantissimo…e per la salvaguardia della quale assume di qua e di là legali ed investigatori…ebbene dovrebbe guardare sotto al suo naso e rendersi conto che ha dato più mazzate l’articolo 9 all’immagine dell’Aorn ed all’immagine della sua  direzione, che tutte le “appiapolis” del mondo, con la differenza che il primo ha creato un danno economico e la seconda denuncia “aggratis”. Hasta el Domingo!

Comments

  1. giacomo ha detto:

    La domenica è il giorno del Signore non per questi, non hanno da fare, atei per professione, adesso basta di parlare male del sindacato che ci rappresenta e mai ci ha lasciati soli. Queste schifezze non le sopportiamo più. Venite signori cacciati a dircelo in faccia.. vi riconosceremo subito…

    1. Luigi ha detto:

      Sindacato i cui delegati hanno rappresentato solo se stessi se hanno messo le mani nelle tasche dei dipendenti per far pagare parcelle a nero senza utilizzare gli avvocati del sindacato. Perché non denunciano la nardi x calunnia? Perché i dipendenti stanno restituendo i soldi? Perché calunniano tutti i colleghi degli altri sindacati?perché quando un sindacalista ha deciso di restituire i soldi dell’art 9 lo hanno massacrato calunnianolo? Perché prima sparlano dei colleghi e poi gli danno incarichi sindacali? Perché dicono prima la fascia e poi si accordano sui coordinamenti?

  2. Mimmo ha detto:

    Secondo me adesso invece di chiuderlo il cerchio dovrebbe allargarlo per metterci dentro chi con la sua connivenza ed incompetenza ha permesso tutto ciò. Ricordiamo tutti come il giornalaio per eccellenza ha infangato “su commissione” chi ha incominciato a mettere mano al recupero dei fondi dell’art 9. Ricordiamo tutti la storiella del vigile urbano e su come si è riusciti a far saltare un direttore dalle riconosciute qualità amministrative. Come mai poi tutto si è fermato? Come mai ne il sindacato di maggioranza ne il giornalaio su commissione scrivono più delle manchevolezze dell’ospedale? Soltanto due estati fa il giornalaio per eccellenza scriveva persino se una formica attraversava un corridoio di degenza ben documentato ed informato dalla sua amica sindacalista ed adesso invece? Tutti ciechi e sordi ?oppure tutti comprati o conniventi? La vergogna non ha mai fine!

  3. benny ha detto:

    Sono nauseato di sentire sempre gli stessi che applaudono, gente allontanati dal sindacato perché ogni giorno volevano usare il sindacato per se stessi, chi per sistemare figli e generi come psicologi, chi per stabilizzare sorella e per salvarsi dai master richiesti a firma falsa di dirigente medico. Fatemi il piacere vomitate altrove il vs fiele perché finirà per sopraffarvi.

    1. Peppe ha detto:

      Attenta che poi appena esce la sentenza su quelle che tu e la tua amica chiamate firme false..poi fai un altra figura da 4 soldi…Non ti bastano quelle che stai facendo?

      1. lucia ha detto:

        L illusione lusinga, sopratutto i falliti. Lasciate da parte la giustizia che è una cosa seria . E io saprò accettare, tu mai accettato i fallimenti

      2. benny ha detto:

        Le uniche brutte figure sono le vs che perché non siete capaci di difendere i lavoratori, li avete usati facendo loro dire che volontariamente volevano restituire le somme. E poi ve la prendete con chi se li ha presi. Mettetevi d’accordo con voi stessi!!! Voi professori avete detto che non li dovevano avere questi soldi e glieli avete fatti restituite. Cosa andate trovando?

    2. giovanna ha detto:

      Bravo collega non se ne può più. Quando stavano con noi erano i fautori di tutte le battaglie, adesso si inventano contrarietà.

    3. Angela ha detto:

      Saranno stati poco fortunati o maldestri perché qualcunaltro ha sistemato la nipote come avvocato e la moglie come interinale.

    4. Francesca Nardi ha detto:

      Complimenti Benny, posso sperare che lei così bene informato produca anche l’elenco degli interinali e relative parentele?.. Sia preciso però altrimenti non vale!

  4. alberto ha detto:

    Sono un medico, uno dei tanti che sta affrontando la stessa battaglia del comparto per i festivi infrasettimanali, è una battaglia che va avanti da 10 anni. É un diritto sacrosanto di chi è chiamato a lavorare in tali giorni, non comprendo la ricostruzione della signora che scrive, la invito a leggere un pezzo di scienza giuridica. Affidarsi agli ignoranti, frustrati o manipolare le norme è grave e ha il sapore di reminescenza di, ” camicette nere” dei primi del novecento. Contro i diritti, contro i lavoratori per i padroni. Si faccia una cultura leggendo questo link…
    https://www.studiolegaledoglio.it/personale-del-servizio-sanitario-nazionale-compenso-lattivita-resa-nei-giorni-festivi-infrasettimanali/

    1. Francesca Nardi ha detto:

      Buongiorno, non c’è nessuna battaglia, ma c’è il parere dell’Aran sull’interpretazione dell’articolo 9. C’è anche un ufficiale giapponese che continua a combattere nonostante la fine delle ostilità e non sono io. Io non manipolo nulla e soprattutto non utilizzo toni meno che cortesi con chi non conosco ma una cosa mi lascia interdetta…il suo parere giunge a noi dopo 14 settimane…Camicette nere?…

      1. alberto ha detto:

        Gentile signora, io non sono abituato ad essere precipitoso e confidavo in un ravvedimento tecnico. Ma il protrarsi su materia specifica con toni inopportuni e non rispondenti alla verità del diritto vantato mi ha condotto ad impiegare un poco del mio tempo per rappresentarle uno studio appropriato e scientifico. Argomentazione questa che è una battaglia di civiltà e di rispetto per coloro del servizio sanitario nazionale che, come me, nei giorni, ove il resto del mondo sta in famiglia a celebrare le festività , restano a curare ed assistere i degenti. E dunque meritano il riconoscimento come da ccnl applicato e legge speciale sanità.

      2. Francesca Nardi ha detto:

        Gentile signore, tutte le mie battaglie sono a favore di chi lavora e orientate alla valorizzazione di chi , come lei, si impegna e si sacrifica. Se qualcuno ha ritenuto che la mia ostinata ricerca sui particolari inerenti questo specifico motivo, volesse ledere un diritto del lavoratore, ebbene credo davvero che sarebbe in malafede. Se lei ha letto cio’ che ho scritto avra’ certamente notato che mi avvalgo di documenti ufficiali che raccontano senza possibilita’ di fraintendimento quali siano state le varie fasi di questa vicenda dell’: articolo 9. La prego di verificare che non una sola affermazione e’ stata lasciata al caso o peggio inventata. Le battaglie di civiltà mi hanno trovato sempre in prima linea e ne ho pagato le spese. Ma coloro che hanno cavalcato le battaglie mischiando le carte confondendo la gente in buona fede e ricavandone un utile mi trovano contro e per traverso. Grazie

  5. Michela ha detto:

    Ufficio personale non c entra niente, almeno quello che c è ora.
    Una dipendente ufficio personale da poco in pensione, aveva una causa privata presso avvocatessa nipote della sindacalista, pare che in cambio di nessun onorario la sig.ra dipendente cambiò atteggiamento verso la prima odiata signora sindacalista.
    Ufficio personale di ora non c entra proprio un bel niente perché è arrivato a truffa già effettuata.
    Adesso ognuno deve pensare a non passare un guaio e fare la cosa giusta.

  6. Mariella ha detto:

    SecondO lei come può ferrante circondato da un branco di dirigenti incompetenti prendere in pugno questa situazione? La infante va in ansia solo a sentir parlare di concorsi, ufficio legali so 4 sciem, chianese sta la per fare titoli e carriera. Ma secondo lei chi dovrebbe muoversi e capirne qualcosa Gubitosa ? Sembrano tutti scesi dall’albero del pero

  7. Maria ha detto:

    Questa non l’avrei mai immaginata.
    Sindacato fa i conteggi.
    Azienda non controlla.
    Avvocato aumenta la cifra è quindi quel 12 o 35% aumenta di conseguenza.
    Che faccia tosta che hanno a girare in ospedale.
    Art.9, mogli nelle agenzie interinali,master gratuiti, questo sindacato è peggio di tutti gli altri messi insieme.

  8. Antonella ha detto:

    Questo è materiale del collegio dei revisori. Danno erariale o truffa? Caro dott ferrante forse dovrebbe chiamare la finanza e consegnare loro tutte le carte. Almeno così potrebbe dire di essere un uomo non dico giusto ma almeno mentalmente onesto. Querelare la nardi ci potrebbe stare ma adesso dovrebbe denunciare dirigenti incapaci o conniventi ed anche il sindacato imbrogljoncello

    1. Francesca Nardi ha detto:

      Querelare la Nardi “ci potrebbe stare” …basta dimostrare che la Nardi ha detto sciocchezze altrimenti la Nardi querela per calunnia.

  9. Nicola ha detto:

    …e secondo lei l’ufficio personale dell’ospedale sa fare questi conti? Quelli sono super impegnati nel fare i concorsi …..però se ferrante gli da un po’ di straordinario forse quasi quasi potrebbero farli tra un caffé ed una sigaretta sulla scala di emergenza

    1. sebastiano ha detto:

      sui conteggi aime’ è un giudice che si è pronunciato. Non certo vi potete e dovete sostituirvi a loro. Quindi farete bene a smetterla perché state esagerando e non poco.

      1. Nicola ha detto:

        I conteggi li ha fatto l’avvocato…smettila tu…

      2. Francesca Nardi ha detto:

        Infatti nel memoriale 14 è riportato un passaggio estrapolato da una sentenza…

Comments are closed.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+
PUBBLICA ASSISTENZA SAN MICHELE SERVIZIO AMBULANZE 24 H24
Trasporto sangue e organi
Trasporto infermi
Assistenza medica e infermieristica
Assistenza sanitaria in manifestazioni di enti Pubblici e Privati
Accompagnamento per terapie e visite mediche
Autoriz. Reg. N°2007/24465

Ho compreso che...
le persone possono dimenticare ciò che hai detto.
le persone possono dimenticare ciò che hai fatto.
ma le persone non scorderanno mai come le hai fatte sentire.
Dott. Carozza Michele

339.5082804 - 335.6094623 - 0823.458796
VIA LIGURIA, 21 - 81020 SAN MARCO EVANGELISTA (CE)