CONVEGNO SULL’IMMIGRAZIONE OGGI A MADDALONI

0

MADDALONI – Oggi pomeriggio, alle ore 17:30, presso il Centro Polivalente (ex Macello), in via Napoli 204, si terrà il convegno su una delle tematiche più attuali e  discusse del nostro panorama politico e sociale: “Immigrazione e crisi europea – Per un nuovo modello di gestione, oltre il fallimento del Melting Pot”. Il convegno ha lo scopo di analizzare il fenomeno, molto dibattuto, delle politiche migratorie, cercando non solo di carpirne le vere cause, ma tentando di arrivare al giusto metodo per arginarlo. All’evento, simbolo di un ritorno ad un dibattito politico-sociale di alcune problematiche di caratura nazionale, prenderanno parte: Luca Lezzi del “Circolo Proudhon”, Antonio Ponzo detto “Ulisse” di “Alternativa Campania”, Claudio Marone, consigliere comunale “Lega – Salvini Premier”, Alfonso Piscitelli, giornalista, on. Antonio Del Monaco, Deputato del “Movimento 5 Stelle”, e Mario Gallo dell’ “Interesse Nazionale”. Inoltre, in collegamento Skype, interverrà il filosofo Diego Fusaro. A moderare gli interventi sarà invece Roberto Siconolfi collaboratore della rivista online “Oltre la linea”. “Il convegno di oggi – ha dichiarato Siconolfi, organizzatore dell’evento –  avrà due funzioni. La prima di informare il pubblico e la cittadinanza sui vari aspetti della questione migratoria, uno dei temi più scottanti a livello nazionale, insieme a quello economico-finanziario. L’argomento sarà affrontato senza pregiudizi di alcun tipo e in base a letture e “visioni del mondo” anche differenti tra loro, ma che siano “sistemiche” ed intellettualmente “stimolanti”. L’altra funzione sarà quella di essere un punto di incontro tra tutte le formazioni politiche, associazioni e gruppi che da un lato affermano principii come la sovranità economica, popolare e nazionale, dall’altro si battono contro le ingerenze UE, la disinformazione del “mainstream mediatico” e l’ideologia “globalista” a tutto tondo. Dopo gli interventi dei relatori il pubblico interverrà con domande, al fine di favorire il dibattito in maniera “esaustiva” per tutti i partecipanti”.