OSPEDALE, IL DELFINO DEL RE SBAGLIA DIAGNOSI…

0

(f.n.) – La saggezza è la capacità di passare oltre a molte cose…ma se dovessimo far finta di non riconoscere la ferocia di chi, pur avendo la facoltà di impedire il verificarsi continuo e continuato di terribili episodi, legittima con l’indifferenza, il criminale operato di altri, saremmo dei miserabili, saremmo dei vigliacchi oltre che complici e noi vogliamo limitarci ad essere brutti, sporchi e cattivi…ma provvisti di coscienza. Ed anche oggi abbiamo commentato la massime postate da chi “nun tene che penzà”…e che invece di dare un’occhiata a quello che succede nel suo “condominio sanitario” pensa ad altro…Certo… l’esempio del presidente Vincenzo De Luca non è dei migliori…Avere bollato come “pura idiozia” la vicenda dell’anziana ricoverata in Neurochirurgia, la dice lunga sul grado di sensibilità allargato di una certa categoria…Chissà se le diagnosi sbagliate rientrano nella categoria delle “pure idiozie” o se al posto di quanti o quante, si sono trovati/e a subire saggi di incapacità medica o di malasanità propriamente detta o disservizi, fosse stata la sua anziana mamma o un/a suo/a congiunto/a, cosa avrebbe detto, a proposito della “pura idiozia”…il caro De Luca dei Fiordi…Ma veniamo a noi e ad un altro episodio che classifica e “conferma” la bontà delle scelte della Direzione strategica dell’Aorn di Caserta, in quanto a concorsi…Fortunatamente i parenti dei pazienti non sono tutti disposti a lasciarsi terrorizzare da chi vorrebbe imporre loro il silenzio e quindi determinate incredibili vicende, trovano improvvisamente la via della luce e appaiono sul mondo informandolo…  Anche questa volta si tratta di una signora anziana, che è stata ricoverata d’urgenza, per sospetto linfoma gastrico… diagnosi purtroppo confermata dal referto Tac…quindi una prova a conferma dell’indiscussa abilità diagnostica del neo direttore della Uoc di Radiologia. Dopo breve tempo sopraggiunge per la povera signora ricoverata, una occlusione intestinale…Ai parenti viene quindi comunicata la gravità della diagnosi e la previsione di una prognosi altrettanto grave…non resta dunque che pensare ad un intervento chirurgico che allo stato era pressocché inevitabile…La signora viene quindi preparata urgentemente, per l’intervento che risulterà “tecnicamente” perfetto nella sua brillante riuscita, in virtù della bravura e competenza dei chirurghi….La signora sta bene soprattutto perché alla diagnosi infausta di un linfoma gastrico, peraltro refertato, dopo l’intervento si è sostituita la diagnosi accertata sul campo, di “volvolo” intestinale…Ora…è appena il caso di ricordare che proprio sul concorso in oggetto “Diagnostica per immagini”, avevamo pronosticato il risultato, pubblicando il nome del vincitore e, come ben sapete, la certezza in questi casi deriva dalla conoscenza degli ordini del cerchio magico, non certamente dai meriti…Avevamo ragione due volte, purtroppo…sul nome e sui meriti ed anche sulla necessità che si vagliassero bene le posizioni dei candidati per il bene dell’Ospedale…ma ovviamente… dell’Ospedale e della sua immagine a brandelli “machissenefrega” …  Hasta la indiferencia!