PINTO CHIUSO, TIFOSI CONTRO MARINO. SINDACO: DISPOSTO A PARLARE CON LORO

0

CASERTA – 0-0 allo stadio Pinto fra Casertana e Juve Stabia. In un ambiente surreale, senza tifosi per via della disposizione della Questura che ha ordito la partita a porte chiuse. Il tutto per colpa dei lavori delle Universiadi, ancora lontani dall’essere terminati; per via di questo, l’agibilità dell’impianto è stata rifiutata e la Casertana si appresterà a vivere le prossime partite lontane da Terra di Lavoro, in un eterno campionato in trasferta essendo impossibilitato a non poter giocare per tre match a porte chiuse, causa l’esclusione dal campionato. I tifosi rossoblu hanno voluto far sentire la propria voce, stazionando all’esterno del Pinto e intonando cori a favore della squadra. Nel mentre, hanno appeso uno striscione avanti allo stadio, rivolto al sindaco Carlo Marino, etichettato come ‘Primo cittadino, ultimo tifoso’. Il sindaco risponde così alle critiche: “Nonostante precisazioni e chiarimenti che ho già fornito nella giornata di sabato ai media, verifico che tuttora circolano imprecisioni e bugie circa la vicenda dello stadio Pinto. Sono disponibile a incontrare, fin dalle prossime ore, una rappresentanza dei tifosi della Casertana per precisare ulteriormente la vicenda, in modo costruttivo. Attendo da loro una risposta, per definire l’incontro che potrà avvenire anche nella giornata di lunedì in Comune”