L’AUTO DEL FUTURO: SEMPRE PIÙ TECNOLOGICA SARÀ IL NOSTRO UFFICIO

0

Le auto del futuro saranno sempre più automatizzate ed accessoriate che da semplice mezzo di trasporto, potranno servire per rilassarsi o lavorare, mentre l’auto ci porterà da sola nel luogo impostato consentendo al guidatore di diventare un passeggero e dedicarsi ad altro. E’ questa la novità a cui stanno lavorando i ricercatori del Fraunhofer Institute for Industrial Engineering IAO e altri partner industriali, per realizzare un prototipo.

Con i veicoli che curvano, accelerano e frenano in totale autonomia, il guidatore avrà il tempo di ammirare l’ambiente circostante in modo diverso dal parabrezza o dai finestrini o di mettersi comodo a guardare un film, con l’interno dell’auto che viene trasformato in un ufficio o salotto. Sebastian Stegmuller, coordinatore del gruppo di ricerca, sta lavorando alle auto autonome del futuro. “Un’idea – spiega – potrebbe essere quella di immaginare servizi che, attraverso l’intelligenza artificiale, trasformino il parabrezza in uno schermo multifunzionale, dove per esempio comprare i biglietti per uno spettacolo, mentre si va a guardarlo, o imparare un’altra lingua”.

La tecnologia e l’intelligenza artificiale vengono usate anche per migliorare la sicurezza delle auto, e in particolre i crash-test, fatti finora con manichini. Per renderli più efficienti, si stanno usando dei modelli di corpo umano virtuale, che simulano il comportamento difensivo che ha una persona prima dell’incidente, come irrigidire i muscoli e aggrapparsi al volante mentre si tiene il piede premuto sul freno. In particolare i ricercatori si sono focalizzati sulla rigidità dei muscoli, usando il modello umano virtuale per riprodurre la postura del passeggero o guidatore poco prima dell’incidente, scoprendo che a seconda del grado di rigidità muscolare, si hanno diversi tipi di infortuni e lesioni. Ciò porterà a ridisegnare l’interno del veicolo e rivedere cinture di sicurezza ed airbag.