UTILITÀ SOCIALE, AMBIENTALE ED ECONOMICA DEL TRASPORTO SCOLASTICO COLLETTIVO

0

di Nicolò Antonio Cuscunà

Il servizio di trasporto collettivo degli studenti delle scuole primarie di primo e secondo grado dell’obbligo è scelta di DEMOCRAZIA SOCIALE……….Organizzarlo è d’obbligo per le Amministrazioni Locali virtuose, avvedute, lungimiranti e bene amministrate. Esso tutela l’ambiente, aiuta l’economia familiare, educa all’uso della mobilità pubblica, incrementa il diritto allo studio contro la dispersione scolastica……. Il servizio è a richiesta ed a pagamento in base alle fasce di reddito dichiarato, garantisce tutti alle pari opportunità e aiuta i meno ambienti……. Organizzare detto servizio è compito dell’ENTE LOCALE TERRITORIALE in accordo con le Istituzione Scolastiche e Datoriali – C.C.I.A.A.- E’ consigliabile per gli alunni della scuola dell’obbligo e rappresenta un momento anche educativo-culturale di alto valore sociale. L’adozione degli SCUOLA-BUS rappresenta momento educativo alla tutela all’ambiente, tutela ed aiuta l’economia familiare nell’organizzare e razionalizzare i tempi giornalieri di accudimento parentale, studio, lavoro e divertimento. Scoraggia l’uso del trasporto privato individuale, abbatte l’inquinamento e caoticità delle città, migliora il diritto allo studio con la dispersione scolastica. L’Ente Locale territoriale partecipa economicamente favorendo la nascita, l’adozione del trasporto collettivo scolastico; aiuta i meno ambienti al pagamento delle rette mensili, anche gratuito e realizza giustizia sociale. La rete integrata dei SERVIZI di TRASPORTO COLLETTIVO SCOLASTICO incrementa lavoro ed occupazione con idonei veicoli condotti da personale specializzato, autisti e personale di sorveglianza. COSA FARE, CHI DEVE ORGANIZZARE, CON QUALI RISORSE. La gestione del servizio trasporto scolastico può essere: “pubblico, privato, associato, con automezzi iscritti nell’apposito registro istituito c/0 le Camere di Commercio Industria, Agricoltura, Artigianato. ISCRIZIONE di automezzi uso-terzi con conducente di servizi pubblici facenti capo a SOGGETTI GIURIDICI tra Comuni e più comuni, consorzi di Enti Locali, Istituti scolastici pubblici o privati. La competenza in materia di trasporto pubblico è dell’Ente Regione. Le regioni finanziano l’acquisto degli automezzi su progetti presentati dall’ente Territoriale. I fondi disponibili vengono erogati in base a graduatorie che consideri: il numero della popolazione scolastica, il territorio in cui operano le scuole, di montagna, collina, pianura. Insomma, IL TRASPORTO PUBBLICO-SCOLASTICO- ORGANIZZATO È SEGNO TANGIBILE DELL’ALTA QUALITÀ DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE TERRITORIALE, SEGNO DI CIVILTÀ, SOCIALITÀ AMORE VERSO LA CULTURA, UNICA AD INDICARE AI GIOVANI LA CORRETTA STRADA DA PERCORRERE.

Articolo correlato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui