OSPEDALE, SGUEGLIA “INGAGGIA” E LA INFANTE PROFETIZZA…

0

(f.n.) –  La palazzina “grigio topo spento” in fondo al parco dell’Aorn di Caserta, secondo il nostro modesto parere, produce effetti soporiferi a chi lavora al suo interno, favorisce inoltre la distrazione, confermando l’ipotesi che, tutto sommato, l’attenzione degli amministrativi, si liberi dal processo di imbalsamazione, soltanto dinanzi alla necessità di imbandire la tavola, elaborando all’uopo, una sorta di strategia urbanistica per l’uso di spazi limitati e purtroppo, obbligatoriamente condivisi con materiale di risulta, tipo delibere ed atti vari…Signor commissario, il numero di delibere da correggere o da rivedere o da ritirare, inizia ad essere esageratamente alto, se consideriamo che lei si è appena insediato…Di questo passo, riuscirà a battere, orgogliosamente, Ferrante, di molte lunghezze ed in un lasso di tempo, assai breve… Sarebbe opportuno quindi che… concluso il giro di visite di cortesia, si decidesse ad impegnare qualche minuto del suo prezioso tempo, per puntellare a dovere i cardini  della sua immagine, onde evitare che si sgretoli miseramente, assieme a quella dell’Azienda, che rappresenta… Con uno sguardo rapido all’albo pretorio, tipo volo radente, ci accorgiamo con raccapriccio, che siete riusciti a sbagliarne due di seguito…ovviamente parliamo di delibere e di cosa altrimenti? Da una delle due, la 51 dell’11 settembre u.s. apprendiamo che, su indicazione del Referente Qualificato dell’Aorn Tommaso Sgueglia, l’uomo che si è prodotto, atleticamente,  per ben diciannove volte, nell’esame di Anatomia patologica, avete conferito un incarico importante, relativo alla sperimentazione clinica autorizzata, in questo caso si dovrebbe dire “azzardata” all’allenatore dell’Olimpia Basket di Milano, Ettore Messina e dalla seconda delibera, la 52, sempre dell’11 settembre u.s., veniamo a  conoscenza che la dottoressa Luigia Infante, direttore della Uoc  Risorse Umane, possiede doti divinatorie, poiché ha profetizzato in merito ad una richiesta di mobilità compensativa, che, secondo la sibilla ospedaliera, verrà formulata da due infermieri professionali ed acquisita al protocollo in data 13 novembre 2019. E poiché, la cara Infante a quanto pare, sa già tutto prima che accada, ha pensato di guadagnare tempo ed anticipare la decorrenza della mobilità al 1 ottobre p.v., quindi un mese e mezzo prima della formulazione della richiesta…quando si dice più veloce del pensiero, si intende …appunto …questo…Il caro Sgueglia invece… avrà necessità di ri-scrivere altre diciotto volte la delibera, prima di imbroccare il nome giusto del medico, cui affidare il suddetto incarico e che dovrebbe essere il dottor Vincenzo Messina. Commissario e sub commissari, ma cosa fate?, con i precedenti di “perfezionismo avanzato” che vantano gli uffici amministrativi… firmate e… zitti?, e santa Tetta del Bosco Incantato?, dove sfila oggi?,  dovrebbe dare una bella “scotoliata” allo shatush di destra e poi a quello di sinistra e rileggere almeno le delibere perché…non se ne può più…Hasta la suerte companeros!