CASAGIOVE NEL CUORE, DE LELLIS: “PER UNA SCUOLA EFFICIENTE”

0

2c94e3b5 bcb4 424a 9a50 77f174d98d6a 300x300 CASAGIOVE NEL CUORE, DE LELLIS: PER UNA SCUOLA EFFICIENTECASAGIOVE – In virtù delle prossime elezioni amministrative di Casagiove, l’insegnante Loredana De Lellis ha rinnovato la scelta di sostenere il candidato sindaco Danilo D’Angelo, e in qualità di capogruppo uscente si candida alla carica di consigliere nella lista Casagiove nel Cuore.

“La politica è diventata parte della mia vita da quando tanti miei ex allievi, credendo in me, mi hanno incitato a riflettere sul ruolo determinante del singolo individuo per costruire i passaggi storici e, in questo caso, nel dare il proprio contributo alla collettività. Ecco perché ho deciso di rinnovare con maggior determinazione il mio impegno politico verso la comunità casagiovese, dopo l’esperienza vissuta tra il 2016 e il 2017, quando da capogruppo della maggioranza, posta dinanzi ad un bivio, scelsi di dichiararmi politicamente indipendente perseguendo un principio di onestà politica ed ideologica. Solo in un secondo momento sono entrata a far parte di Casagiove nel Cuore; una colazione che abbraccia tutte le mie idee e che è per me uno spazio di confronto plurale. Dal mio punto di vista l’emergenza di Casagiove si racchiude nel concetto universale della bellezza. Bisogna, infatti, cominciare a restituire bellezza alla nostra città: bellezza urbana significa anche più arte e più culturaa servizio del benessere individuale e collettivo. Gli assi principali dell’impegno di Casagiove nel Cuore vertono sul ruolo della persona, ossia su quella centralità ormai persa nell’architettura della comunità, e sulla qualità dell’ambiente in cui il cittadino svolge la propria quotidianità. Il nostro obiettivo è puntare al benessere generale, cominciando dai bambini e dalla famiglia. Credo che una società civile non può più snobbare le esigenze della Scuola e della Famiglia e la scuola casagiovese, senza il sostegno delle istituzioni politiche, non può dirsi pronta ad affrontare le diverse sfide del domani. Fin qui è mancata una politica di sviluppo per avere una scuola moderna, accogliente e organizzata. Una scuola formata da: edifici strutturalmente efficienti con arredamento e strumentazioni necessarie allo svolgimento delle attività, da ambienti e spazi esterni curati.

Sappiamo che bisogna partire da una verifica generale dei tetti e degli impianti di tutti gli edifici, e abbiamo bisogno di un assetto coordinato di tutte le aule. Il mio impegno è rivolto alla costruzione di una sinergia basata sulla cooperazione tra istituzioni, che garantisca una calendarizzazione degli interventi igienico sanitari (sanificazione / deblattizzazione / derattizzazione) e la sicurezza degli allievi e del personale del mondo della scuola. Personalmente non ho sottovalutato neanche le piccole e grandi battaglie che spesso i bambini e le famiglie casagiovesi devono affrontare; per questo serve anche un’offerta pedagogica e formativa extra curriculare per rendere i nostri giovani cittadini equipotenti rispetto ad altri loro coetanei. Casagiove con un pizzico di orgoglio deve ambire ad una costruzione integrale, perché dalla fotografia attuale si evince che ci sono sempre meno possibilità di crescita, casi che talvolta sfociano nelle forme di un disagio sociale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui