SAN FELICE A CANCELLO, TRASFORMARE UNA PIAZZA IN PARCHEGGIO: LE ASSOCIAZIONI CHIEDONO AL SINDACO CHE NICCHIA

0

PEGASO TERRA MIA S.FELICE a CANCELLO SAN FELICE A CANCELLO, TRASFORMARE UNA PIAZZA IN PARCHEGGIO: LE ASSOCIAZIONI CHIEDONO AL SINDACO CHE NICCHIASAN FELICE A CANCELLO – I Comitati Civici “Terra MIa” e “Pegaso” di San Felice a Cancello scrivono al Sindaco Giovanni Ferrara e al Prefetto di Caserta  Raffaele Ruberto, chiedendo di smentire la notizia della volontà dell’attuale Amministrazione comunale di modificare Piazza Castra Marcelli della Fraz. Cancello Scalo per realizzare un parcheggio auto. Le associazioni avevano già chiesto chiarimenti al sindaco, senza ottenere risposta.

“In data 22 gennaio u.s.,con lettera protocollata al n. 318, indirizzata alla S. V., i Comitati Civici in intestazione, chiedevano delucidazioni e smentita ufficiale circa le voci provenienti da membri della Sua Amministrazione che pubblicamente riferivano della decisione di apportare modifiche sostanziali alla storica Piazza Castra Marcelli, della Fraz. Cancello Scalo, con realizzazione di un parcheggio auto, Piazza, tra l’altro,rifatta integralmente solo qualche anno fa, con soldi pubblici, che ha restituito dignità e decoro al cuore del paese, liberandolo finalmente dalla zavorra delle auto che erano uno sfregio alla storia e alla vivibilità della Piazza.

 A tutt’oggi, purtroppo, da parte Sua, non è ancora giunta nessuna nota ufficiale in merito alla suddetta richiesta avanzata.

 Ritieniamo inammissibileche una figura Istituzionale, quale quella del Sindaco, eletto per essere esclusivamente al servizio del popolo e non per altro, ignori il dovere di rispondere e rassicurare i propri cittadini circa la possibilità di sconvolgere dignità, decoro, vivibilità e luogo di socialità del loro paese.

 Come già fatto nella precedente missiva, i succitati Comitati Civici, anche a nome dei cittadini della Frazione, ESPRIMONO LA PIU’ TOTALE CONTRARIETA’ a  qualsiasi atto che vada a modificare l’attuale struttura dell’opera, non comprendendo, con tutto lo sforzo possibile, i motivi e soprattutto gli interessi che sono alla base di una volontà alquanto bizzarra e antisociale nello stravolgere un’opera pubblica, ripetiamo, realizzata solo qualche hanno fa (con soldi pubblici) e che ha incontaro il favore dell’intera cittadinanza. 

 Con la presente, REITERIAMO LA RICHIESTA, sperando questa volta in una SUA sollecita ed esaustiva risposta ufficiale scritta”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui