ARRIVEDERCI SENATORE…

0

Tami Ventre ARRIVEDERCI SENATORE...

Arrivederci Senatore,

 voglio ricordarVi così, mentre guardate al passato e sorridete al pensiero che la politica è inciampata e non riesce ad alzarsi…

Arrivederci Senatore, voglio ricordarVi così, con l’ironia un po’ mesta che scorre sui fogli assieme ai sospiri…con la mano sul mento e lo sguardo lucente di chi ha vissuto intensamente e intensamente amato…

Arrivederci Senatore, voglio restare così, lontana dai giorni finiti, col suono rauco della vostra voce nel cuore, con quella insolita pausa che devasta i silenzi e corrompe l’odore della pioggia sulle foglie…

Arrivederci Senatore, parleremo ancora della lunga notte dell’intelletto e del vago decomporsi dell’illusione, mentre il tramonto raccoglierà i pensieri caduti e li disporrà sulle ali del vento…

Arrivederci Senatore, voglio guardare l’Infinito e rinnegare la nebbia mentre sento l’eco della risacca che sincopa il dolore…

Arrivederci Senatore, Vi troverò dietro l’uscio dei silenzi, quando la pace che tarda a venire avrà reso inutile la possibilità universale e le risposte sfileranno leggere come gomitoli luminosi del tempo…

Arrivederci Senatore,

Arrivederci

                            Francesca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui