I SOCIALISTI SEMPRE IN MOVIMENTO: ANGELO SOLLAZZO E ALDO POTENZA A NAPOLI PER RIUNIRE I FANS DEL GAROFANO

0
8
         ALDO POTENZA

NAPOLI –  Oggi in Via Vecchia Poggioreale i compagni del PSI di Napoli che non si ritrovano sulle posizioni di Nencini si incontrano per mettere la prima pietra ed iniziare un percorso che sicuramente li porterà alle prossime competizioni elettorali ad essere presenti nelle sedi istituzionali. I compagni storici che saranno presenti a Napoli, Aldo Potenza da Perugia ed Angelo Sollazzo (nell’immagine in evidenza) da Roma,  conosciuti dai vecchi militanti, Di Donato, Iossa, Mastantuono, Salvatore e tanti altri che non hanno voluto essere menzionati, perché oggi vogliono capire il disegno politico dei Socialisti in Movimento ed aderire a questa iniziativa, che prima o poi porterà ad un accordo, se possibile, anche con altre forze di Sinistra, per una grande coalizione che punti alla leadership di una presenza femminile, dopo il no di Pisapia. In questi momenti delicati, il nostro grande Totò, sicuramente avrebbe esclamato: “Venghino a me, che insieme riproveremo a mettere insieme tutte le anime che si sono perse dal 1992 ad oggi”. Per la verità i quattro maggiori esponenti dei Socialisti in Movimento hanno iniziato da qualche annetto a fare assemblee in tutte le Regioni d’Italia, ed il 12 marzo 2017 hanno riunito i compagni di tutta Italia, nella capitale d’Italia, alla Casa Domus, una struttura di proprietà del Vaticano, un buon segno per un inizio che ad oggi, ha portato già grandi successi, in numero e qualità di coloro che fino ad oggi aderito.

La provincia di Caserta, con la città di San Prisco si sta avvicinando alle 50 adesioni, anche di compagni della vicina Pignataro Maggiore, che con un giovane, proveniente da famiglia socialista, Baldassarre Borrelli, provano la risalita, a livello locale, regionale e perché no, anche a livello nazionale. Oggi la città di Napoli ospiterà due dei quattro moschettieri, che insieme al milanese Roberto Biscardini ed al compagno storico Gerardo Labellarte, stanno cercando di riportare la falce ed il martello di Francesco De Martino ed il Garofano di Bettino Craxi, sulla strada giusta, onde competere con altri soggetti, come Sinistra Italiana, seguaci di Pisapia, e tanti compagni socialisti che non condividono la linea politica di Nencini, succube del PD, oggi tutti ex DC e non ex PCI, per convincere questo vice ministro ad un ripensamento, per ribadire che i Socialisti in Movimento sono distinti e distanti da questo nuovo corso di Renzi e Lotti. Abbiamo chiesto telefonicamente ad Aldo Potenza, chi erano i compagni presenti alla riunione di oggi alle ore 16.30 e lui con la franchezza e la genuinità che lo contraddistingue, ci ha risposto testualmente: “Noi Socialisti in Movimento andiamo ovunque ci chiamano, pur di ricostruire, dopo un primo tentativo, fatto il 21 maggio c.a. a San Prisco- Caserta-, per cercare di mettere insieme tutte le anime del vecchio PSI, come Risorgimento Socialista di Franco Bartolomei e Liberalsocialisti che in Campania sono rappresentati dal compagno Raffaele Formisano”.

Carmine Eliseo