PRESIDENZE DELLE CAMERE: ACCORDO CD/M5S SU CASELLATI-FICO

Roberto Fico

Il candidato alla presidenza del Senato per il centrodestra,  dopo un drammatica notte di trattative che ha aperto una crisi nella coalizione, finalmente è arrivato: è Maria Elisabetta Alberta Casellati, classe 1946 senatrice con Forza Italia dal 1994, ex sottosegretario in due governi di centrodestra e negli ultimi anni componente del Csm come membro laico in quota centrodestra. L’annuncio arriva dopo un vertice a palazzo Grazioli tra i leader, attraverso una nota in cui si chiede al M5S di trovare un candidato diverso da quello indicato ieri sera per la Camera, Fraccaro. I grillini si sono riuniti di primo mattino e il risultato è stato un sì alla Casellati, e presentano il nome, già nell’aria, di Roberto Fico, classe 1974, nato a Napoli, ex presidente della commissione di Vigilanza della Rai e – diciamo così – meno vicino di Fraccaro alle posizioni di Di Maio..

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Un compromesso per tutti, insomma, ma escono vincitori dalla battaglia Salvini e Di Maio, mentre Berlusconi, costretto a rinunciare al suo braccio di ferro con il M5S, incassa il veto su Romani e non ottiene il «riconoscimento politico» auspicato.

Il M5S commenta i nomi di Casellati e Fico, come lo specchio «del voto popolare che è un voto di cambiamento» spiega il capogruppo pentastellato al Senato Toninelli. «Il Parlamento si trasforma da luogo della casa a luogo principe della democrazia in cui far partire i tagli ai privilegi e agli sprechi».

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+