OSPEDALE, MA… LEGGETE QUELLO CHE FIRMATE?

6

(f.n.) – La Sagra del Refuso doc continua a mietere vittime nella stesura delle delibere, costellando di “errori materiali” e “distrazioni surreali” la dimensione amministrativa che occupa la palazzina “grigio spento” in fondo al parco…All’esame degli allibiti lettori e visitatori occasionali dell’Albo pretorio dell’Aorn di Caserta, si presenta un altro “potpourri” di nozioni e di “ignorantità” cavalcante…potremmo chiamarle “fantasie di gennaio”…et voilà la delibera 31 del 16 gennaio u.s. Nella stesura della suddetta, l’ineffabile direttore della Uoc Risorse Umane, Luigia Infante, con nonchalance tipica se non superiore, dell’imbattibile duo Chianese-Scarfiglieri, confondendo l’Urologia Funzionale con l’Immunopatologia renale, pubblica un avviso di selezione interna per l’incarico professionale di alta specializzazione di…ma per venire a conoscenza di cosa stia, esattamente, parlando il Gru, dovremmo aspettare la delibera 34, sempre del 16 gennaio che, finalmente, pubblica correttamente sia di quale specializzazione si tratti, sia il nome del vincitore dell’avviso interno. Ed anche questa volta il manager dell’Aorn ci casca…non legge e firma…Caro Ferrante, si sta spargendo la voce che lei firmi al buio…non vorremmo apparire maligni, ma la strada che ha imboccato sembra essere quella giusta, per finire dritto in bocca all’hidalgo… Tra l’altro la norma sulla trasparenza richiede una regolare rettifica, cosa che, a loro signori, negli ultimi tempi, pare non passi, neanche per l’anticamera dei turbinati, di fare…Giocare sulla distrazione altrui non è una buona politica…Tra l’altro, si fa strada la convinzione che il principio fondante cui si ispira la direzione generale dell’Aorn,  sia la disparità di trattamento. Infatti…se a sbagliare sono gli “ospedalieri”,  finiscono per direttissima davanti al consiglio di disciplina, ma…se… a sbagliare ed a mettere di conseguenza in ridicolo, la firma del direttore generale, come ultimamente è successo qualche volta di troppo, sono gli amministrativi, per quale motivo non si ha contezza di alcuna sanzione nei loro confronti? I medici che hanno sbagliato a firmare l’intramoenia, l’infermiere che dà i numeri per lo stress, l’ausiliario che litiga, vengono regolarmente sanzionati ed uno Scarfiglieri che “fa le figurelle” o un Chianese che sbaglia persino a copiare le delibere precedenti  e non rilegge quello che scrive…ed un Gru che grossolanamente confonde nomi e nomenklature e definizioni su argomenti tanto delicati…passano in cavalleria… ci sarebbe da interrogarsi sulla quantità dei titoli esibiti, sulla tempistica per conquistarli, sui corsi serali, sui punti “miralanza” e sul Deco dove compri tre e paghi due…E non è il caso di prendersela, soprattutto quando si è tanto arroganti da non rettificare neppure quando si accusa erroneamente qualcuno…Hasta la suerte!

6 Commenti

  1. Da un po’ di tempo leggo i vostri articoli e, sinceramente, avevo smesso perché mi perdevo nei periodi e perdevo il filo. Da poco noto un periodare piu’ raffinato e li sto iniziando a rileggere, perché cerco di seguire i fatti della mia citta’. Non capisco, pero’, poiché ho letto vari articoli sullo stesso tema, che cosa vuol dire l’articolista. Trattandosi di refusi, insomma, non di vizi dell’atto, non si capisce cosa deve essere rettificato. Un po’ come scrivere legittimita’ con due gg , che bisogno c’e’ di rettificare , non è neanche un errore materiale. Credo di capire, correggetemi se sbaglio, volete dire che ci sono funzionari potentissimi che possono fare tutto? Insomma, leggo dal sito dell’ospedale che Chianese è un direttore di UOC e Scarfiglieri un semplice dirigente e non posso pensare che Ferrante sia un ingenuo. Volete dire che l’ospedale è ancora commissariato e che i vertici sono emanazione del Ministero dell’Interno? Che insomma, ad esempio, Chianese è un questurino o un funzionario dei Servizi e che percio’ non c’è corte dei conti o polizia a contrastare? Spiegatevi, per favore, diversamente poiché insistete, inizio a pensare che non avete nulla da scrivere di meglio.

    • Gentile signore, immagino che rileggendosi non attenda neppure l’applauso dei suoi amici, poiché uno come lei si applaude da solo. Le faccio una domandina semplice semplice, se me lo consente: crede davvero di essere credibile?, o addirittura non avra’voluto per caso apparire spezzante, per dimostrare ai suoi amici che metteva a posto l’articolista?, ma no… Non e’ possibile! …. Terribilmente faticoso…e inutile… E… a proposito dell’ultima riga del suo commento: lei è un vero genio, ha capito subito che non abbiamo nulla di meglio da scrivere… Non comprendo tuttavia il motivo per il quale lei si ponga tanti interrogativi, ostinandosi a leggere articoli che non la interessano… Lasci perdere… tra poco in tv c’è la pubblicita’ dei sofficini, con Carletto che è un vero spasso. Glielo consiglio… Rilassante e poco complicato… Lo consigli anche ai suoi amici…

    • Probabilmente legge non legge bene le” delibere sbagliate”. Premesso che se ti pago da dirigente PURE le doppie consonanti o i verbi li DEVI sapere ma non puoi richiedere in un bando di concorso la residenza in provincia di caserta ne sbagliare le date in un delibera di risarcimento danni ne confondere i nomi nelle delibere di incarico ne confondere una ipas con un IP. Egregio signor enzo su questi “mero errore” si sono persi o vinti ricorsi. E siamo noi utenti a pagare in senso economico e in senso di disservizio. Le ricordo che la prefetta consapevole delle incapacità di tali funzionari si circondó di uno staff di ben sei funzionari di sua fiducia che controllavano come erano scritte le delibere perché “UNA VIRGOLA CAMBIA IL SENSO DELLA FRASE ma i dirigenti e funzionari IGNORANTI non hanno imparato nulla. Mi dispiace per lei che sta difendendo l’indifendibile senza vedere oltre quello che c’è dietro ad una delibera sbagliata : non solo un mero errore materiale dovuta ad una ignoranza e superficialità che non è comunque concessa perché commessa da un dirigente Ben pagato. Ci rifletta

  2. Complimenti per la vignetta. Ma lei deve sapere che da quando l’ufficio formazione è stato assegnato a Tommaso sgueglia è stato di fatto smantellato. La Siciliano ha trasferito altrove tutto il personale che portava avanti la formazione. Quindi pure volendo ferrante non può aggiornare nessuno

Comments are closed.