OSPEDALE, IL MEMORIALE DELLA DOMENICA 49

(f.n.) – Lo chiameremo il Memoriale dei grandi interrogativi…restringendo ovviamente il campo alle vicende che hanno interessato l’Aorn di Caserta negli ultimi anni e che qualcuno vorrebbe a tutti i costi seppellire, smettendo di raccontare e soprattutto smettendo di “ricordare”…Fatica e speranze sprecate…Ci alzeremo tutti insieme quando il film sarà finito ed anche i titoli di coda saranno scomparsi…quando avremo ripercorso tutte le tappe e risposto a tutti gli interrogativi ed analizzate tutte le vergogne e vanificato tutti i sospetti. I ritardatari dell’ascolto, si mettano pure comodi, perché siamo soltanto alle prime battute del “giorno dopo”, quello in cui ci si interroga sulle reazioni a quanto accaduto ed accertato il giorno prima. Riteniamo ad esempio, di avere rappresentato nei minimi particolari “l’affaire articolo 9”… enucleando dalla massa viscida e torbida, particolari sfuggiti all’attenzione del prima, che con i conti del dopo, sarebbero e sono diventati macroscopici. Infatti, i dipendenti che dovranno restituire il denaro all’azienda, sono stati ingannati due volte…quando hanno creduto, in perfetta buona fede, che fosse legittimo incassare il famoso rimborso e quando hanno versato in nero il 12 per cento al legale, suggerito dal sindacato ispiratore…Il primo grande interrogativo è dunque il seguente: come mai professionisti come quelli del comparto dell’Aorn, continuano a pagare la tessera ad un sindacato che continua  a millantare l’inverosimile, promette vendette e sfracelli e le cui due maggiori cariche sono state deferite al consiglio di disciplina e non per aver combattuto eroicamente, petto in fuori, per la tutela del lavoratore, ma per  avere aggredito verbalmente una dipendente in servizio?, quale garanzia sindacale offrono personaggi che, secondo quanto riporta Radio Ospedale, continuano impunemente ad “avvertire” i dipendenti? E cosa dire degli altri sindacati?, per caso qualcuno ritiene che perdano fiumi di acqua santa dall’ombelico?, ebbene non è così…I sindacati  hanno compiti ben precisi che sono differenti dal loro tornaconto personale e… poiché all’interno dell’Aorn vi sono mogli, figli e parenti vari, assunti nelle ditte in appalto e tra gli interinali, per non parlare del feudo Asl…al cui interno i “non parenti” a tutti i livelli, rischiano di essere una minoranza… non risultano quindi tutelati gli interessi dei lavoratori, ma bensì i propri, dunque qualcosa non gira per il verso giusto…è così o non è così? Forse è il momento di voltare pagina ed intanto, qualcuno potrebbe spiegare al pubblico attonito, il motivo per il quale non si estraggano elegantemente le tessere dal portafogli, non si prenda con attenzione la mira e non le si lancino nel cestino piazzato al centro del pensiero libero e soprattutto scevro da incrostazioni? Tutto sembra stranamente immobile…Dunque è vero ciò che storicamente va attestandosi nel giudizio illuminato degli “analisti”, ahinoi, come uno status di apatia ormai consolidato e che somiglia davvero troppo ad una sopravvenuta incapacità di reazione? Cosa dovrà succedere ancora, prima che vi sia una levata di scudi collettiva e relativa consegna delle tessere sindacali? Sarebbe opportuno resettare e  ricominciare asetticamente dalle regole scritte e dalle quali non si deroga…altrimenti si paga! Hasta el Domingo!

Comments

  1. Concetta ha detto:

    E devo aspettare i compensi arretrati dal 200 art 9 per farmi una bella vacanza???? Per poi tornare indietro! Che ” fantasticheria “.

  2. Massimo ha detto:

    Per rendere indietro i soldi art. 9 me li sono dovuti far prestare , perché con un solo stipendio e onesto devo portare avanti la famiglia .Vergogna nazionale.

  3. lina ha detto:

    Falliti come persone, tirapiedi del potere, che per qualche briciola di visibilità venderebbero pure L anima delle madri. Usati per dividere, senza alcuna identità, svolazzano sul fango tentando di spiccare il volo, ma la sporcizia, la cattiveria nei confronti di colleghi , verso i medici e verso i sindacati, vi consentirà solo di farvi conoscere molto bene. Le sentenze si rispettano infatti, e non vi è sentenza che condanna alla restituzione e non vi è cassazione che chiarisce il principio di diritto. Dunque nel mentre sguazzare nel fango come maiali, almeno fatevi pagare da chi ottiene i click e dite che quel diritto lo avete chiesto pure voi, pure voi avete vinto le cause e per voi L azienda ha Sbagliato a Fare L appello. Chissà perché l abbia fatto. I lavoratori sanno bene che non si danno le perle ai porci.

    1. Francesca Nardi ha detto:

      Gentile Lina, non si comprende bene chi siano i maiali che sguazzano nel fango e per quanto riguarda i click…ahimé …anche questa volta qualcuno ha lasciato le tracce come Pollicino…

  4. luigi ha detto:

    cara nardi anche a lei piace fare il gioco delle tre carte….ma a napoli vince sempre il mazzaro

    dove sono tutti gli altri commenti…….dove è finito l’ultimo inviato prima che sparissero tutti…..comunque la questione sta quasi agli sgoccioli e la guerra finirà tra non molto con l’epilogo della cassazione…..poi con calma aspetteremo che l AORN rispetterà il e applicherà l’art 29 per poi riconoscere similarmente i benefici contrattuali dell’art 9 dal 2000 in poi così tutti i dipendenti grazie al nursing up faranno delle belle ferie estive con o senza l’ausilio dell’ufficio legale.

    comunque le ribadisco il concetto…si faccia una bella passeggiata non solo nell’AORN ma anche nelle Case di Cura private di Porfidia,Schiavone,Caterino,Sibillo e company e poi si diletta a scrivere sulle condizioni dell’assistenza e della capacità degli altri sindacati di tutelari i dipendenti….hasta la vista

    1. Francesca Nardi ha detto:

      Caro signor Luigi, questa storia dei commenti scomparsi, inizia leggermente ad infastidirmi. Purtroppo abbiamo avuto un problema tecnico, ma se a lei fa piacere pensare che li abbiamo cancellati, continui pure a crederlo e lo dica anche ai suoi amici. Il gioco delle tre carte e anche delle quattro o cinque carte, abitualmente lo fanno quelli come lei, che non firmano e non si dichiarano ed inviano commenti da indirizzi posticci. Il gioco delle tre carte lo fanno quelli che prendono in giro i lavoratori, calunniano, armano la mano dei compari di merenda e incassano soldi in nero. Per il resto si chiarisca bene le idee…non mi interessano le cliniche private…mi interessa chi fa di una struttura pubblica una clinica privata per i propri comodi…Evidentemente il mazzaro questa volta le ha dato le carte sbagliate…

  5. Antonio ha detto:

    Chi vive una vita fuori legge, prima o poi farà i conti con la giustizia. I lavoratori onesti fanno tanti sacrifici per portare avanti la famiglia e devono pure essere imbrogliati e penalizzati? Non è giusto.

  6. Isabella ha detto:

    Che se ne andassero via, chiedendo scusa ai lavoratori onesti . Pagando loro di tasca propria il danno economico arrecato. Ai lavoratori si da , non si toglie.

  7. Cosimo ha detto:

    Siamo in un Paese Democratico, ognuno può scegliere di agire come vuole, ma rispettando le regole e le leggi. La presunzione porta ad agire male e allora ecco che chi sbaglia deve pagare….tutto.

  8. Cosimo ha detto:

    E allora si portasse tutta documentazione all’antimafia.

  9. isidoro ha detto:

    come mai nessun commento

    1. Pasquale ha detto:

      Perché erano tutti razionali e positivi ed è stato preferito cancellarli perché fa scomodo
      I giornali seri questo non lo fanno

      1. Caporedattore ha detto:

        Ripetiamo: i commenti sono stati pubblicati tutti, come nella nostra politica da sempre. Complimenti per la nuova strategia!…Inviate nuovamente i commenti “razionali e positivi”, e li pubblicheremo. Grazie

  10. Mario ha detto:

    Solo chi è abituato a vivere una vita da fuori legge puo scrivere un commento come questo.
    Eppure a una certa età e con esperienza diretta maturata sul campo,una persona dovrebbe sapere che le sentenze si rispettano, non si ribaltano con i commenti.
    Tu e il tuo sindacato, per vicende e ruberie diverse,avete perso nei tribunali e pretendete di sbraitare contro chiunque.
    Capisco la rabbia di chi aveva incassi mensili stratosferici, ma adesso state esagerando.
    Ti saluto e ora puoi tornare a farti dettare le cose dalla sanfeliciana

    1. Alessandro ha detto:

      Eliseo ma dove hai vissuto fino ad ora?
      Stiamo parlando del primo ospedale in assoluto commissariato per camorra, dove i camorristi avevano un ufficio solo per loro.
      Dove una sindacalista si è accompagnata per anni a politici tutti arrestati per camorra.
      Ora arrivi tu e vuoi filosofeggiare
      A caserta abbiamo vissuto la camorra sulla nostra pelle e l art 9 é stata una operazione di truffa ai dipendenti con metodi camorristici.
      Vieni a farti le ossa in questo ospedale e poi forse scriverai le cose con il loro nome

  11. ANDREA ha detto:

    COME MAI HA CANCELLATO TUTTI I MESSAGGI ERANO SCOMODI?

    1. Caporedattore ha detto:

      I messaggi sono stati pubblicati tutti, come sempre. Se non si tratta di una nuova strategia, rinviateli

      1. Andrea ha detto:

        Non è così mi dispiace ve ne erano tanti compreso il mio è non ci sono più

        Si leggono tutti i giorni notizie fasulle, critiche spesso giuste e molto spesso ingiuste , giudizi dati da chi non è sul campo di battaglia, per cui vede le cose diversamente, notizie passate a metà del vero da chi ha fatto sempre il saltimbanco da un sindacato all’altro attingendo in cambio di tessere tornaconti personali e familiari, altri utilizzati a colpire indirettamente per vendette altrui , è un ambiente non idilliaco
        Chi è nel cuore dell’amministrazione si vede e si stravede alle riunioni dove si tace senza difendere gli interessi dei lavoratori ma combattuto per i propri e si è evidenziato nel concorso per coordinatori entrando tra i primi per non dire tra i primi della metà del dieci rendendo palese il non saper giudicare o non voler saper giudicare persone che non conoscono nemmeno la lingua nazionale
        Si forse il sindacato di categoria spesso è veemente perché crede in ciò che dice e ciò che fanno
        Ma almeno FANNO li vedi sempre ingiro e quando si ha bisogno corrono
        Gli altri cosa fanno ? A si parlano contro il sindacato che fa
        Chiedete agli altri sindacati perché non si baroni per la fascia ?
        Perché non sono mai presenti sui problemi
        Perché si parla del rapporto avuto dai sindacalisti di maggioranza e non del rapporto avuto da chi ha osato andare contro i regolamenti dell’azienda facendo manovre non autorizzate e punendo persone sbagliate e non gli interessati
        Io ci tengo a precisare che non sono un infermiere per cui non difendo nessuno in particolare ma vedo lavorando e girando nei reparti che chi risolve o almeno fa la presenza è il sindacato di maggioranza si forse non ha studiato il galateo , non sa porsi però è sempre in prima fila per difendere i dipendenti anche quelli non iscritti ed è questo che deve fare il vero sindacato
        Scusate lo sfogo ma ogni tanto lasciate in pace un luogo dove la maggior parte di noi quasi tutti lavoriamo e ci dedichiamo a promuovere la salute altrui
        Buona domenica

  12. Giuseppe ha detto:

    Ognuno alla fine avrà quello che si merita specie i macchiettisti e i dittatori dell’ospedale di Caserta

Comments are closed.

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+