INPS CASERTA CHIEDE RICONOSCIMENTO BENEFICI PER LAVORATORI FIREMA

0

CASERTA – Il Comitato provinciale di Caserta dell’INPS ci invia un comunicato stampa, che vi giriamo: “Lo scorso 12 aprile, il Comitato provinciale di Caserta dell’INPS, insieme con Cgil Cisl Uil e Ugl e organizzazioni di categoria, hanno incontrato il presidente del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dell’INPS Guglielmo Loy. Nel corso di quella riunione sono state avanzate precise richieste per procedere a nuove assunzioni presso gli uffici dell’INPS di Terra di Lavoro e soprattutto dare finalmente il via libera al riconoscimento, per i lavoratori dello stabilimento Firema di Caserta, dei benefici legati alla legge 205/2017 (lavoratori venuti a contatto con l’amianto). “Esprimo profonda soddisfazione sul piano sindacale e personale per il risultato ottenuto sul riconoscimento dei benefici della legge 205/2017 ai lavoratori Firema – dichiara Matteo Coppola, Segretario generale della Camera del Lavoro di Caserta – Questa è una battaglia avviata con me negli anni ’90 nella perplessità di molti che ha visto la FIOM e la CGIL di Caserta in prima linea e parte civile nei processi in corso.” “I risultati raggiunti in questi giorni sono il frutto di un lavoro di squadra che ha coinvolto i Comitati regionali e provinciali dell’INPS, le direzioni regionali e provinciali dell’INPS e le organizzazioni sindacali e di categoria – dichiara il presidente provinciale del Comitato INPS di Caserta Giuseppe Ilardi – Finalmente i lavoratori della Firema potranno accedere ai benefici per i quanti venuti a contatto con l’amianto, accedendo così al percorso pensionistico in anticipo. Inoltre, col via libera a 50 nuove assunzioni ripartite sul territorio, gli uffici INPS della provincia alleggeriranno il carico di lavoro per gli impiegati attuali  garantendo migliori servizi a tutti gli utenti. Siamo soddisfatti e ci auguriamo che possa continuare  anche in futuro  il costruttivo dialogo tra comitati territoriali, organizzazioni sindacali e di categoria e l’istituto previdenziale”.