ASL, TERRA DI LAVORO: TERRA DI ILLUSIONI PER I GIOVANI

1

Quando qualche caro amico lo invitava a scendere nell’agone politico, Il Cerusico ha sempre risposto di non essere idoneo alla bisogna. Semplicemente a causa della inconciliabile incomunicabilità con eventuali compagni di cordata. Punti di visione diversi. Le esperienze di vita e concettuali sarebbero state dissimili. Quando qualche esimio politico di quelle parti gli affermava, ad esempio, che la magnifica pineta della Domiziana era lì da sempre (non conoscendone le origini). Quando qualche borioso Parvenu della politica gli comunicava che i marmi della Reggia provenivano per lo più da Carrara (non conoscendo le cave di Mondragone o di Vitulano nel Beneventano). Bene da qui nasceva l’impossibilità per Il Cerusico del solo confrontarsi con i mali atavici e persistenti di queste Terre. I Parvenus ed i loro servili Peones. Veniamo all’ennesimo esempio di prostrazione dei giovani di questa Terra di Lavoro. Il Consigliere Regionale Alfonso Longobardi, non si comprende bene con quale euforia, ha comunicato che il Consiglio, all’unanimità ha decretato l’utilizzo da parte di tutte le AA.SS.LL. e/o A.O. lo scorrimento di graduatoria per il reperimento di Fisioterapisti, Operatori Socio Sanitari e Infermieri. Ovvero l’Asl di Caserta, in assenza di un proprio concorso pubblico (graduatoria), può dar fondo alla graduatoria di un concorso di Napoli, Benevento, Salerno e/o Avellino. Primo pacco e paccotto per i giovani casertani, i quali, verranno ben rimpiazzati da napoletani, sanniti o irpini. Tanto non bastava se con la stessa inspiegabile euforia, il Consigliere Stefano Graziano, nel rincarare la dose, ha annunciato che di propria sponte ha presentato un emendamento per l’accesso alle graduatorie di cui prima anche per tutte le altre figure professionali, ovvero anche Amministrativi, etc. etc.. Secondo pacco e paccotto. Pacchi e paccotti che si assommano a quelli già annunciati da Il Cerusico del 23.09.2019: Asl e stabilizzazioni: pacco, doppio pacco e  contropaccotto”.

Ora, se già all’Asl di Caserta, si è provveduto in maniera del tutto discutibile (o illegittima) a bandire Concorso Pubblico per la stabilizzazione di Co.Co.Pro. e Co.Co.Co. ai sensi del Decreto Madìa (Il Cerusico, 23.09.2019), cosa per la quale staremo a vedere sull’effettivo numero degli aventi diritto; se già all’Asl di Caserta, si è provveduto, con Delibera n. 227 del 14.10.2019 a “Indizione Avviso di Mobilità interregionale ed extraregionale per il reclutamento di n. 25 Assistenti Amministrativi”, quindi una prima esclusione di giovani casertani;  se già gli Onorevoli Consiglieri Regionali, anche quelli locali, applaudono all’iniziativa di reperire personale da graduatorie di altre Province, cosa mai devono più fare i giovani casertani per non affollare oltremodo le biglietterie delle Ferrovie che li porteranno nelle loro migrazioni? Ma, di grazia, si parla tanto di sviluppo, di decollo, di professionalità, di competenze, di meritocrazie. In che modo? Il Cerusico, si chiede e vi chiede, con i Concorsi Pubblici (selezioni!!!!!, dall’italiano selezionare!!!!) non si ambisce ad assumere personale capace e competente? E se le graduatorie valide, aperte ed infinite scaturenti da un Concorso per soli 3 Ass. Amm.vi, ad esempio, possono fornire agli altri Enti personale reperito con scorrimento, c’è da presumere che qualche Asl possa pescare anche quelli tra il 90° posto ed 110° posto degli “idonei”! Ovvero, a scalare, assunzioni di fatto anche dei meno capaci, meno competenti, meno performanti. O no? Ovvero, se i Co.Co.Pro. di Caserta, non hanno prodotto domanda di partecipazione a Concorsi presso altre Asl (e quindi non inseriti nelle graduatorie), e non aventi diritto alla stabilizzazione Madìa, resteranno fuori dai giochi per altri 20 anni a venire! O no? Anzi verranno sostituiti sic simpliciter da quelli provenienti dalle graduatorie di altre Asl? È così? Pur avendo partecipato a regolari Avvisi Pubblici per Co.Co.Pro. nella propria Asl (di fatto Concorsi “Ciò in quanto, il reclutamento tramite graduatoria concorsuale, è utile a considerare rispettato il dettato normativo dell’art. 97 Cost.”. Avv. Francesco Leone).Ad ogni buon conto, è mai possibile che ancora oggi, all’Asl di Caserta noi si riesce a conoscere il fabbisogno effettivo del personale? Naturalmente comprensivo di quelle figure imboscate e non collocate nei ruoli di appartenenza? Da qui, si potrebbero, ad esempio, conoscere anche quanti posti sarebbero disponibili per coloro che da decenni attendono un concorso interno; non a caso “Il decreto Madia, per gli anni 2018-2020, apre nuovi spazi alla progressione verticale, prevedendo presupposti e vincoli differenti rispetto alla normativa a regime, contenuta nell’articolo 52, comma 1-bis, del d.lgs. n. 165/2001. L’articolo 22, comma 15, del d.lgs. n. 75/2017, dispone quanto segue: “Per il triennio 2018-2020, le pubbliche amministrazioni, al fine di valorizzare le professionalità interne, possono attivare, nei limiti delle vigenti facoltà assunzionali, procedure selettive per la progressione tra le aree riservate al personale di ruolo, fermo restando il possesso dei titoli di studio richiesti per l’accesso dall’esterno. Il numero di posti per tali procedure selettive riservate non può superare il 20 per cento di quelli previsti nei piani dei fabbisogni come nuove assunzioni consentite per la relativa area o categoria…..”. Ricapitolando: 20% dei posti riservati per le progressioni verticali; 50% dei posti riservati per le stabilizzazioni decreto Madìa, più 50% riservati agli esterni. Il Cerusico, si chiede in base a quale assunto si è proceduto alla mobilità intra ed extra regionale di ben 25 Ass. Amm.vi senza avere preventivamente soddisfatte le percentuali fin qui descritte? Ed, eventualmente, quale sarebbe la logica giustificazione di pescare in graduatorie esterne?

 Sviluppo e Territorio? Di chi?????? Io voto, tu voti, egli vota, noi votiamo, voi votate, essi votano………..

1 commento

  1. Beh all’ospedale hanno bandito un concorso per amministrativi cat C. Possono partecipare tutti i diplomati. Faranno una graduatoria e potrebbe servire anche alla asl. Tenga gli occhi aperti e la tastiera pronta. Ci sarà da scrivere se il commissario non terrà gli occhi aperti. Tutti sanno che servirà per sistemare un po di interinali non i più bravi ma i più raccomandati: in primis le dolci signorine….quelle più disponibili ….quelle dalla carriera facile sulle varie segreterie politiche.

Comments are closed.