LA GERMANIA ESCE DALL’EURO?

0

–   di Germán Gorraiz Lopez*  –                                          

euro italia germania 640x342 1 LA GERMANIA ESCE DALLEURO?Dopo la consumazione della Brexit, l’ipotetica uscita della Germania dall’Euro comporterebbe l’insediamento dell’Eurozona e la gestazione di una nuova cartografia economica europea che supporrà il ritorno ai compartimenti economici stagni.

Uscita della Germania dall’Euro?

Come sottolinea Joel Kotkin sulla rivista Forbes, per decenni, “i paesi del nord (Germania, Norvegia, Svezia, Danimarca, Olanda, Finlandia e Regno Unito) hanno compensato tassi di fertilità molto bassi e calo della domanda interna con l’arrivo di immigrati e la creazione di economie orientate all’export altamente produttive”. Così, seguendo la dottrina dello Schuldenbremse (freno al debito) che la Germania ha introdotto nella sua Costituzione nel 2009 con l’obiettivo imprescindibile che “ogni generazione paga le sue spese e non consuma le tasse che i propri figli pagheranno sotto forma di debito”, la Germania avrebbe realizzato avanzi economici successivi negli ultimi cinque anni facilitati dai tassi di interesse negativi applicati dalla BCE.

Tuttavia, Charles Dumas di Lombard Street Research London, sostiene “che l’adesione all’euro ha incoraggiato la Germania verso una costosa strategia mercantilista a scapito dei consumi interni e della produttività dell’economia, ma ora la cura necessaria per i mali dell’eurozona imporrà una maggiore inflazione in Germania, prolungate recessioni deflazionistiche in importanti mercati dell’eurozona e continui trasferimenti di risorse ufficiali ai partner”.

Nel 2010, il Fondo monetario internazionale (FMI) ha esortato le autorità tedesche ad attuare politiche per “stimolare la crescita della domanda interna, poiché ciò avrebbe importanti effetti positivi di contagio sia nell’eurozona che a livello globale”, poiché la crescita dei consumi interni tedeschi potrebbe essere L’ancora di salvezza della Germania contro la recessione. Tuttavia, la Costituzione tedesca considera un bilancio in pareggio quando viene raggiunto un disavanzo federale equivalente allo 0,35% del PIL, seguendo la dottrina Schuldenbremse (freno all’indebitamento) che la Germania ha introdotto nella sua Costituzione nel 2009 con l’obiettivo inevitabile che ogni generazione si paghi le spese e non non consumano le tasse che i loro figli pagheranno sotto forma di debito

Pertanto, la Germania avrebbe realizzato avanzi economici successivi negli ultimi cinque anni con un calo nell’esercizio 2021 del 4% (eccedenza di quasi 173.000 milioni di euro) a causa del fatto che i tassi di interesse zero o negativi applicati dalla BCE richiedevano meno importo per il pagamento del debito pubblico e ha consentito di accumulare riserve per far fronte alla crisi socioeconomica derivata dal COVID-19 con un massiccio impulso agli investimenti 4stimati in 20.000 milioni di euro per rilanciare l’economia. Tuttavia, allo stato attuale, la Germania sarebbe appesantita dalla scarsità di riserve di gas, tanto che un taglio totale della fornitura di gas russo potrebbe significare per la Germania una contrazione stimata dagli analisti intorno ai 200.000 milioni di euro entro il 2023 a causa della paralisi forzata dell’industria e ciò avrebbe come effetti collaterali l’ingresso dell’economia in recessione e l’aumento del tasso di disoccupazione, insieme a un’inflazione galoppante e al regolamento delle eccedenze commerciali.

 Nuova cartografia economica europea

Germania torna al marco 620x342 1 LA GERMANIA ESCE DALLEURO?D’altra parte, l’aumento dei tassi di interesse da parte della BCE, insieme all’inflazione galoppante, causerà la stagnazione dei salari reali in Germania, aggiustamenti fiscali e una forte contrazione dei consumi interni, così nelle parole di Charles Dumas di Lombard Street Research London “Ritorno un marco tedesco apprezzato spremerebbe i profitti, aumenterebbe la produttività e aumenterebbe i redditi reali per i consumatori, poiché invece di prestare risparmi in eccesso ai paesi periferici, i tedeschi potrebbero godere di standard di vita migliori a casa.

L’ipotetica uscita della Germania dall’Euro significherebbe l’inizio dell’insediamento dell’Eurozona e la gestazione di una nuova cartografia economica europea che significherà il ritorno ai compartimenti economici stagni e il trionfo degli USA realizzando la balcanizzazione dell’Europa. Assisteremo così alla conversione dell’attuale zona euro nell’Europa dei Sei (Germania, Francia, Belgio, Olanda, Lussemburgo e Austria), lasciando il resto dei paesi periferici europei (Portogallo, Spagna, Italia, Irlanda, Grecia, Slovenia, Malta e Cipro), gravitanti nei loro anelli orbitali, essendo costretti a tornare alle loro valute nazionali e subendo il loro successivo deprezzamento.

I paesi periferici dell’Europa non avrebbero sviluppato economie forti per compensare il declino demografico basando la propria economia sulla cosiddetta “dieta mediterranea” i cui ingredienti principali erano il boom urbano, il turismo e il consumo interno che hanno creato ottimi piatti minimalisti, con un forte suggestivi e dal prezzo esorbitante ma privi di contenuti culinari e con una data di scadenza stampata in quanto ipotecati da esorbitanti Debiti Pubblici. Di conseguenza, l’aggressivo aumento dei tassi da parte della BCE per frenare l’inflazione provocherà un’escalation stratosferica del premio del debito di questi paesi, nonché la loro fame finanziaria, che si tradurrà in aumenti delle tasse, riduzione brutale del numero di dipendenti pubblici, smantellamento di la salute pubblica, il taglio degli stipendi e la massima flessibilità nel mercato del lavoro.

Così Peter Morici, economista e professore all’Università del Maryland in dichiarazioni al network Fox ha affermato “la necessità di un’unione fiscale nella zona euro e che la Bce assuma un ruolo simile a quello svolto dalla Federal Reserve statunitense, non arriverà in tempo per salvare i paesi periferici e ha considerato la possibilità che “questi paesi lascino l’euro per poter stampare la propria moneta e risolvere i loro problemi come hanno fatto gli Stati Uniti sulla scia della crisi finanziaria”.

Inoltre, il calo delle esportazioni dovuto alla contrazione dei consumi interni dell’UE a causa della recessione economica (gli scambi commerciali tra gli Stati membri dell’UE raggiungono il 60% del volume totale dei loro scambi) e la riduzione di la loro competitività nei confronti dei paesi del resto del mondo, (con particolare incidenza nei paesi esportatori tradizionali come la Finlandia) potrebbe portare alla costituzione di una Federazione Scandinava (composta da Svezia, Norvegia, Danimarca, Finlandia, Lettonia, Estonia e Lituania) il che significherebbe un ritorno ai compartimenti stagni. Il resto dei paesi dell’Europa centrale e orientale, (membri della cosiddetta Europa emergente) ad eccezione dell’Ungheria, integreranno il cosiddetto “arco di fracking europeo” che si estenderebbe dagli Stati baltici all’Ucraina europea, passando per Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania e Bulgaria rimarranno gravitanti nell’orbita statunitense e costituiranno il nuovo Muro di Berlino, non escludendo un nuovo conflitto nei Balcani nello scenario della Guerra Fredda 2.0 tra USA e Russia.

*******************

Germ%C3%A1n Gorraiz L%C3%B3pez analista spagnolo LA GERMANIA ESCE DALLEURO?
Germán Gorraiz López

*Analista spagnolo di Economia e Geopolitica. Collabora, oltre a Diario SIGLO XXI, in altri media digitali spagnoli e latinoamericani come Bottup, España Liberal, Libre Pensador, Socialdemocracia.org, Alainet, CubaNuestra, Plano-Sur.org, Entorno-empresarial.com o El Mercurio Digital. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui