ASL CASERTA, CONCETTO DI LEGALITÀ: FAI QUEL CHE DICO, NON FARE QUEL CHE FACCIO. BUON NATALE

Il Cerusico è sempre stato convinto come in pedagogia e psicologia l’esempio comportamentale incida efficacemente più di qualsiasi verbo, specialmente per i giovani in formazione che fanno dell’imitazione un riferimento irrinunciabile. Tanto vale, però, anche nelle organizzazioni produttive e/o manageriali che dir si voglia. Sempre che si sappia dare un peso reale a ciò che si è e alle parole scritte o pronunciate. Un po’ come quelle bigotte assidue frequentatrici di chiesa, le quali, appena uscite dal tempio esprimono tutta la loro dissacrazione per il Verbo, la Legge, il vivere Civile. E quante bigotte ci circondano negli uffici, negli incontri conviviali, accademici o politici! Fulgidi esempi per quei giovani, anche loro figli, in formazione!

In occasione della Giornata Internazionale contro la Corruzione che si è celebrata il 09 Dicembre, è emerso che in Campania non si denuncia perché si ritiene la corruzione un fatto normale. Ben il 40% dei Campani la pensa così! Come volevasi dimostrare…. andava ripetendo un vecchio professore de Il Cerusico. Insomma, come quelle bigotte di cui sopra. Quelle bigotte, le quali, in questi giorni, vanno a battersi il petto ossequiose e testimoni della Natività. D’altronde lo stesso Raffaele Cantone, proprio qui a Caserta, ha dichiarato che Corruzione e clan sono ancora un pericolo per Asl e ospedali”. Ora c’è solo da appurare come si pratica la corruzione e a quali clan ci si riferisce. Il Cerusico, prova a dare una sua modesta e marginale interpretazione. Prendiamo, ad esempio, la Relazione OIV (Organismo Indipendente di Valutazione) dell’Asl di Caserta e del mese di Aprile 2018, che tra le altre dichiara che: 1 –L’ASL di Caserta ha ottemperato all’obbligo di nomina del Responsabile per la Trasparenza e della Prevenzione della Corruzione nominato con Delibera n. 104 del 2014 e riconfermato con Del. 919 del 2015 ed ancora con Del. 73 del 2017;  2 –  che con Del. 1561 del 2017 viene adottato il Piano Triennale per l’Anticorruzione…….”; 3 – La Relazione continua sull’attestazione della “Delibera n. 347 del 2016 che prevede la normativa sulla Rotazione della Dirigenza”, etc. etc.. E, sempre in materia di ossequio alla Legge con la L maiuscola, 4 – “Provvedimenti adottati in merito all’utilizzo del budget di rilevazione presenze….” 5 – L’OIV ha, inoltre, proceduto a monitorarel’adempimento degli obblighi di pubblicazione da parte dell’Azienda, effettuando saltuariamente dei controlli a campione sulla documentazione presente sul sito web aziendale e verificando la coerenza ed aggiornamento di tali pubblicazioni con quanto richiesto dalla normativa sulla trasparenza. Non c’è che dire!! Che esempi di virtù amministrativa!!! Bravi, bis!!!

Ora, Il Cerusico, da cittadino diligente ed ossequioso della Legge, esprime qualche sua legittima perplessità all’OIV dell’Asl di Caserta e chiede alle SS.LL. se, per caso, sono a conoscenza che per quanto concerne i punti: 1 e 2 –  Il Responsabile della Trasparenza, nel pieno delle sue funzioni (e quelle dell’Anticorruzione) ha dichiarato di suo pugno: “di non avere parenti, affini entro il secondo grado, il coniuge o il convivente che esercitano attività politiche, professionali od economiche che li pongano in contatti frequenti con il Servizio/Struttura che il sottoscritto dirige”. Alleghiamo e pubblichiamo. Insomma, di verificare e relazionare se effettivamente tanto corrisponde a verità!!! Invece, in quanto al punto 3, se effettivamente è stato adottato quanto Deliberato anche per alcuni Dirigenti della Sede Centrale, i quali, pare abbiano da anni e anni ininterrottamente consolidato il proprio “orticello di guerra”. In quanto al punto 4, risulta superflua la percezione diffusa tra i dipendenti di una vera e propria azione vessatoria perpetrata da chi predica “fai quel che dico, non fare quel che faccio”. Giungiamo al punto 5. E, qui, caro OIV hai “toppato” clamorosamente!!! Perché non provi a leggerti Il Cerusico del 10.12.2018 o del 17.12.2017? Basti pensare che esiste addirittura una Commissione ad hoc per la verifica della regolarità delle Determine!!! Alla faccia della verifica!!! Non credi caro OIV che con tali relazioni si rischia di incorrere nelle stesse nefandezze dei tuoi controllati? E caro OIV, sempre a proposito di Trasparenza, vorresti spiegare al Cerusico come fa un Co.Co.Pro. ad assumere più di un impiego? Sa.ni.Arp., Sanità Penitenziaria, Comitato Etico? Alleghiamo e pubblichiamo giusta Delibera n. 1023 del 2014, con relativo budget per gettoni di presenza ed attività di segreteria!!! Incarico con validità anni 3 e prorogati di ulteriore 3 anni sotto l’egida della Dr.ssa Annamaria Ruffo, Coordinatore dell’Ufficio di Segreteria Periferica presso Asl di Caserta del Comitato Etico Campania Nord e, peraltro, già Dirigente del Servizio Affari Generali e del Servizio Affari Legali dell’Asl di Caserta.

Certo è, che quando l’instancabile Dott. Raffaele Cantone afferma che Corruzione e clan sono ancora un pericolo per Asl e ospedali”, non è assolutamente confortante, come non è confortante leggere “Favori e prestazioni sessuali, arrestato un pm di Lecce – In carcere Dirigente Asl. Domiciliari per altri tre dirigenti della stessa Asl salentina – Ottavio Naracci (direttore generale), Giorgio Trianni e Giuseppe Rollo – e l’avvocato Benedetta Martina” (Ansa, Potenza 06.12.2018). Fai quel che dico, non fare quel che faccio.

 DICHIARAZIONE TARI

COMITATO ETICO SANTORO

PGlmcmFtZSBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LmZhY2Vib29rLmNvbS9wbHVnaW5zL2xpa2UucGhwP2hyZWY9aHR0cHMlM0ElMkYlMkZ3d3cuZmFjZWJvb2suY29tJTJGYXBwaWFwb2xpcyUyRiZ3aWR0aD0xMTQmbGF5b3V0PWJ1dHRvbl9jb3VudCZhY3Rpb249bGlrZSZzaXplPXNtYWxsJnNob3dfZmFjZXM9ZmFsc2Umc2hhcmU9ZmFsc2UmaGVpZ2h0PTIxJmFwcElkPTE4NTQ2NTgzNjgxNzczOTAiIHdpZHRoPSIxMTQiIGhlaWdodD0iMjEiIHN0eWxlPSJib3JkZXI6bm9uZTtvdmVyZmxvdzpoaWRkZW4iIHNjcm9sbGluZz0ibm8iIGZyYW1lYm9yZGVyPSIwIiBhbGxvd1RyYW5zcGFyZW5jeT0idHJ1ZSI+PC9pZnJhbWU+